REGALA UN CORSO

È facile ed è un modo di dire: segui i tuoi sogni, credo in te!

Scopri come fare in 3 passi
Home
La UE indaga sulla fusione MCI WorldCom-Sprint

23 Febbraio 2000

La UE indaga sulla fusione MCI WorldCom-Sprint

di

La Commissione Europea ha avviato un accertamento anti-trust prima di dare l’approvazione alla fusione tra i giganti telecom statunitensi MCI WorldCom e Sprint. Tale decisione ritarderà di almeno quattro mesi la conclusione dell’operazione, con i commissari europei che prevedono di annunciare la propria decisione finale ad inizio luglio. I dubbi sollevati riguardano la compatibilità della fusione (valore 115 miliardi di dollari) per gli inevitabili impatti che questa provocherà sull’effettiva competizione del settore a livello internazionale.

Uno dei scogli più grandi riguarda ovviamente Internet, o meglio il considerevole potere gestionale sul backbone di Internet che la proponenda società verrebbe a detenere. In tal senso pare che la UE chiederà nuovamente la vendita di una delle due unità dedite a tale gestione: UUNet, di proprietà MCI WorldCom, oppure l’apposito business di Sprint. Mentre la prima opzione appare fuori discussione, qualche spiraglio di compromesso potrebbe aprirsi per la seconda. Più in generale la commissione vuole assicurarsi contro possibili operazioni, presenti e future, di monopolio da parte delle multinazionali. Ciò anche in relazione ai rapporti internazionali con gli USA, dato che MCI WorldCom-Sprint e AT&T potrebbero finire per controllare l’intero settore della telefonia globale.

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.