FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
La Svezia studia già la quarta generazione wireless

15 Giugno 2001

La Svezia studia già la quarta generazione wireless

di

Mentre i tentativi per introdurre sperimentalmente sul mercato la 3G non danno risultati soddisfacenti, in Svezia cominciano gli studi per la generazione successiva.

In Svezia testano già la quarta generazione wireless

Ericsson ha annunciato che sta già lavorando alla telefonia mobile di quarta generazione, nonostante le sperimentazioni per introdurre la 3G condotte da NTT DoCoMo e British Telecom abbiano già incontrato seri problemi.

Hakan Eriksson – responsabile delle ricerche della società svedese – afferma che la quarta generazione sarà qualcosa di piuttosto differente da un comune telefono. “La quarta generazione, che arriverà nel 2011, sarà caratterizzata dallo sviluppo della realtà virtuale”, ha detto, durante una conferenza. “Non ci sarà bisogno di un voluminoso casco per la realtà virtuale, ma, per esempio, di un semplice paio di normalissimi occhiali da sole”.

Sembra quindi che si stia lavorando a quello che da molti è stato definito il settore dei wearable computers e cioè della trasformazione di accessori tradizionali in net devices. Gli occhiali sono allo studio per una loro trasformazione in proiettori di informazioni davanti ai nostri occhi. In pratica gli occhiali elettronici potrebbero rivelarsi la soluzione al problema dei monitor troppo piccoli dei dispositivi portatili.

“Ci vorranno approssimativamente 10 anni per sviluppare e testare un nuovo standard. Possiamo dirlo facendo riferimento alla telefonia di seconda e terza generazione” ha aggiunto Eriksson.

Sta nel gaming il futuro del wireless

Secondo molte ricerche sul mercato del wireless sarebbe il settore “entertainment”, e in particolare quello del gaming, ad avere la facoltà di determinare un successo di massa dei servizi di Internet mobile.

Da alcune statistiche effettuate sui servizi Wap emerge già che i portali dei giochi stanno totalizzando gli accessi maggiori e sono in continua crescita. Wirelessgames di Digital Bridges, in particolare, è risultato infatti uno dei servizi wireless più popolari superando anche lo sport e l’e-mail.

Datamonitor ha recentemente pubblicato un’indagine secondo cui il wireless Internet salirà a oltre 200 milioni di utenti nel mondo entro il 2005. Secondo le indicazioni emerse da questa indagine e da alcuni segnali chiari dell’attuale mercato del mobile, saranno proprio i videogames wireless, e in particolare le versioni giocabili in modalità community, a diventare un fattore trainante.

La Gsm Association sul futuro del Gprs

La GSM Association, che raccoglie le case produttrici di telefonia mobile, è intervenuta in questi giorni sul dibattito del futuro del wireless con un comunicato sulle imminenti applicazioni della tecnologia GPRS.

L’associazione, punto di riferimento per giganti come Alcatel, Motorola, Nokia, Sagem, Samsung, Siemems, ha presentato a Londra la Mobile Services Initiative (M-Services), che fornirà indicazioni chiare per lo sviluppo di “una serie di linee guida sui servizi prioritari che potranno essere in futuro offerti dai produttori di apparati Gprs”, ha detto il presidente Scott Fox.

L’obiettivo è partire con la commercializzazione dei servizi e relativi terminali nel quarto trimestre dell’anno in corso, cioè per la campagna di Natale 2001.

“L’iniziativa degli M-Services è stata intrapresa dalla Gsm Association per consentire agli utenti Gprs di sperimentare un nuovo livello di servizi costantemente disponibili attraverso l’Internet mobile,” ha spiegato Rob Conway, Amministratore delegato della Gsm Association. Servizi come grafica ad alta risoluzione, musica, video, giochi, suonerie, salvaschermi, ed altri, facilmente visualizzabili sui display degli utenti di cellulari.

10 nuove aziende sposano la tecnologia Non-Line-Of-Sight

La recente impennata nella partecipazione al Broadband Wireless Internet Forum (BWIF) segnala chiaramente che l’industria ad accesso fisso wireless a banda larga sta puntando alla standardizzazione industriale della tecnologia.

”I membri della società BWIF continuano a crescere sostenendo la tecnologia BWIF che distribuisce un accesso internet ad alta velocità e supporta la qualità del servizio per trasmettere voce e video completi sia alle aziende che agli utenti singoli,” ha affermato Ender Ayanoglu, Presidente della BWIF.

BWIF e’ un’organizzazione internazionale che supporta e promuove una specifica tecnologia di trasmissione wireless fissa, che trasmette ad alta velocità, e con un accesso ad internet non-line-of-sight.

I nuovi membri promotori del BWIF comprendono la Powerwave Technologies e la Vyyo. I nuovi membri adottanti comprendono: APC, CommWorks Corporation, Filtronic Sigtek, Inc., Marvell, Motorola, Tandberg Television, WaveCom Electronics, Inc. e Wavesat Telecom, Inc.

Indagine sul wireless advertising

Uno studio di Frost & Sullivan appena pubblicato sottolinea come l’entusiasmo per il futuro della pubblicità wireless stia superando la realtà delle indicazioni del mercato.

Il wireless ha molte potenzialità come strumento di marketing, ma avrà comunque delle difficoltà da affrontare per affermarsi. Oltre, ovviamente, alle numerose difficoltà tecniche dovrà affrontare problemi legati alla privacy, ai formati, ai prezzi.

Frost & Sullivan rilevano inoltre che non sarà semplice individuare modelli di advertising adeguati e in grado di incontrare il favore dei destinatari senza innescare polemiche da parte dei consumatori.

Secondo l’indagine solo il 65% degli utenti accetterà queste forme di promozione. Questa previsione è tarata al 2006, ma i responsabili della ricerca sottolineano che si tratta di indicazioni che potrebbero essere smentite da nuove evoluzioni del mercato e della tecnologia.

Si prevede, comunque, che entro il 2006 si arriverà addirittura a 37 miliardi di inserzioni pubblicitarie in Europa. Il vecchio Continente, tra l’altro, dovrebbe già chiudere l’anno in corso con 51 milioni di dollari di entrate nel settore del mobile advertising. (464,7 milioni di dollari nel 2006).

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.