FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
La ricezione di una mail pornografica sul luogo di lavoro non giustifica il licenziamento

05 Novembre 2003

La ricezione di una mail pornografica sul luogo di lavoro non giustifica il licenziamento

di

Secondo il Tribunale federale svizzero, è illegittimo il licenziamento con effetto immediato di un dipendente, per il solo fatto di aver ricevuto un messaggio a contenuto pornografico

Il Tribunale federale svizzero (TF), con una sentenza del 24 ottobre 2003, ha condannato un’impresa di Berna a versare a un suo ex-dipendente la somma di 26.000 franchi svizzeri (pari a circa 16.800 euro), a titolo di risarcimento per averlo licenziato illegittimamente, avendo addotto come motivazione il fatto che lo stesso aveva ricevuto un messaggio di posta elettronica a contenuto pornografico.

Secondo il Tribunale svizzero, la ricezione sul luogo di lavoro di questo tipo di messaggi è da considerarsi inaccettabile, ma non costituisce una grave violazione del contratto di lavoro, tale da giustificare il licenziamento.

Nel caso specifico, la mail era stata aperta da un altro dipendente, mentre il destinatario effettuava il servizio militare. Quest’ultimo, inoltre, non svolgeva mansioni dirigenziali o di rappresentanza dell’impresa. Sulla base di queste considerazioni, i giudici elvetici hanno ritenuto illegittimo il licenziamento.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.