REGALA UN CORSO

È facile ed è un modo di dire: segui i tuoi sogni, credo in te!

Scopri come fare in 3 passi
Home
La RIAA all’attacco dei successori di Napster

08 Ottobre 2001

La RIAA all’attacco dei successori di Napster

di

Ecco, ci siamo. Parte la seconda crociata contro i successori di Napster, guidata dall’industria musicale americana appoggiata, questa volta, da quella cinematografica.

Obiettivo: iniziare cause contro i siti Internet che hanno occupato il vuoto lasciato da Napster, offrendo agli utenti la possibilità di scaricare canzoni e filmati sul proprio hard disk.

La prima causa intentata dall’Associazione americana dell’industria del disco, la famosa RIAA e da quella dell’industria cinematografica, MPAA presso un tribunale della California ha come obiettivo far ritirare i prodotti sotto diritto d’autore dai siti MusicCity, Grokster e Kazaa, gestiti dalla Fastrack, una società con sede in Olanda.

L’accusa è sempre la solita: questi siti infrangono la legislazione e permettono di scaricare illegalmente musica, film, immagini e software.

La RIAA sconta una situazione di vantaggio essendo riuscita a far fuori Napster e adesso parte alla carica dei successori cercando di fare piazza pulita.

Certo il fastidio è grosso.
Ad esempio, MusicCity, attraverso il suo servizio Morpheus, offre la possibilità di scaricare film recenti come “Il pianeta delle scimmie” o brani musicali di Bob Dylan.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.