Home
La Rai propone radio e TV on demand su Internet

28 Gennaio 1999

La Rai propone radio e TV on demand su Internet

di

Grandi novità sul sito delle Teche Rai, che consente ora di ricercare 500 brani selezionati dagli archivi radiofonici costruendo sul proprio PC un vero palinsesto audio on demand, dalla Corrida ad Alto Gradimento. Ma anche gli esordi televisivi di Mina, Pippo Baudo e Raffaella Carrà.

Le Teche Rai hanno messo online in questi giorni una nuova applicazione che consente di ricercare 500 brani selezionati dagli archivi radiofonici costruendo sul proprio PC un vero palinsesto audio on demand, che consente di ascoltare materiali significativi, dalla dichiarazione di guerra di Mussolini, alla prima “Corrida”di Corrado, dallo sbarco sulla luna ad “Alto gradimento”.

Nelle singole parti del sito si trova una selezione di brani storici anche della televisione, dell’orchestra sinfonica Rai, dello Studio di Fonologia, degli archivi cartacei e fotografici. Ci sono alcuni documenti straordinari, come il primo annuncio delle trasmissioni radiofoniche del 6 ottobre 1924, il primo “speciale”sulla neonata TV del 1954, i video degli esordi di Mina, Pippo Baudo, Franca Valeri, Raffaella Carrà, spezzoni di “Campanile sera”, di “Portobello”, del “Segno del comando”.

È online anche un dimostratore del catalogo multimediale delle teche che contiene decine di ore di materiale audio e video e al quale si accede gratuitamente, ma con rilascio di password da parte della Direzione.

Ci sono inoltre due prodotti assolutamente unici, che dimostrano lo straordinario utilizzo di Internet che è possibile realizzare per diffondere la conoscenza sul patrimonio archivistico della Rai.
Si tratta del “fondo”della famosa rubrica culturale radiofonica “L’Approdo”(1945-1977), composto da brani audio della trasmissione, copioni, fotografie, articoli della rivista, un epistolario inedito fra gli autori e le loro biografie: fra essi Ungaretti, Bacchelli, Moravia, Pasolini, Pratolini, Caproni, Luzi e molti altri che rappresentano il livello più alto della letteratura italiana del ‘900. È possibile anche scaricare L’Approdo sul proprio PC e utilizzarlo in locale: questa modalità di distribuzione, inedita per un prodotto Rai, rappresenta un approccio alla didattica ipertestuale. Il Web Browser non solo per la grande rete, ma anche per gestire informazioni multimediali su qualsiasi PC.

Il secondo prodotto è il primo catalogo completo messo a disposizione su Internet dalla Rai e uno dei maggiori album fotografici presenti sul Web internazionale: 18.000 fotografie storiche del Centro Rai di Torino, dal 1950 al 1992, che per la maggior parte ricostruiscono la storia degli esordi della TV negli anni ’50, mostrandoci i futuri divi del video e del cinema al loro debutto.

Il sito Internet delle Teche Rai, operativo dal gennaio ’97, presenta migliaia di documenti di tutti gli archivi (nelle aree ‘documenti’, ‘radio’, ‘musica’, ‘televisione’ e ‘ foto’) suddivisi per tipologia, indicizzati e ricercabili con un meta search che rileva tutto il sito. Offre inoltre numerosi servizi interattivi: una piazza telematica, una Web chat, questionari e i cataloghi della Biblioteca Rai, anch’essi indicizzati e cercabili con un apposito motore.

Teche Online: http://www.teche.rai.it

L'autore

  • Redazione Apogeonline
    Nella cura dei contenuti di questo sito si sono avvicendate negli anni tantissime persone: Redazione di Apogeonline è il nome collettivo di tutti noi.
    Non pensare che abbiamo scelto questa formula per non rendere merito o prendere le distanze da chi ha scritto qualcosa! Piuttosto in alcuni casi l'abbiamo utilizzata nella convinzione che non aggiungesse valore al testo sapere a chi appartenesse la penna – anzi la tastiera – di chi l'ha prodotto.

    Per contattarci usa il modulo di contatto che trovi qui.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.