FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
La posta elettronica avvicina i commissariati francesi ai cittadini

21 Giugno 2001

La posta elettronica avvicina i commissariati francesi ai cittadini

di

A Parigi i cittadini possono contattare il commissariato del proprio quartiere via e-mail. I messaggi elettronici, pur non avendo una valenza ulteriore rispetto alla posta tradizionale o alle telefonate, consentono alla polizia di "monitorare" più efficacemente la situazione del distretto.

Da circa sei settimane i commissariati di quartiere di Parigi sono più accessibili ai cittadini.

È possibile, infatti, inviare alla polizia dei messaggi via e-mail, che arrivano al BCO, l’ufficio per il coordinamento delle operazioni, che provvede a smistarli secondo il loro contenuto.

Nel caso di messaggi di denuncia (ad esempio per molestie telefoniche, per reati di pedofilia o traffico di droga), la procedura è analoga a quella che viene seguita nel caso delle lettere: se la mail è firmata, il commissariato contatta il cittadino e procede a un colloquio per verificare la fondatezza delle accuse e prendere gli opportuni provvedimenti.

Quando, invece, il messaggio è anonimo, l’operazione diventa più delicata, anche perché è molto difficile trovare l’autore; la questione si complica ulteriormente, poi, se la mail è stata inviata, per esempio, da un cybercaffè.

Finora, comunque, le mail arrivate nei diversi commissariati parigini sono state soltanto un’ottantina, molte delle quali contenenti messaggi di ringraziamento per l’operato delle forze dell’ordine o segnalazioni riguardanti problemi di vicinato, di occupazione illegittima di posti riservati ai portatori di handicap e violazioni del codice della strada.

Il commissario Bertrand Michelin ha chiarito, in proposito, che lo scarso utilizzo del nuovo servizio rientra nell’ordinaria amministrazione, perché è ovvio che i cittadini contattino la polizia solo in situazioni particolari, quando sono vittime di un reato o quando vengono convocati.

I messaggi attraverso i quali i cittadini richiedono informazioni di carattere amministrativo vengono, invece, inviati ai servizi competenti.

Nel complesso, i messaggi elettronici che arrivano al commissariato – analogamente a quanto avviene per le telefonate o le lettere – sono comunque utili, in quanto costituiscono uno strumento ulteriore che consente alle forze dell’ordine di avere una visione il più ampia possibile della situazione del territorio sul quale svolgono la loro attività.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.