Home
La memoria del futuro

02 Dicembre 2002

La memoria del futuro

di

Come saranno le memorie dei computer fra cinque anni? Che capacità avranno? E quali altri dispositivi elettronici saranno dotati di memorie sempre più potenti? In un nuovo e-book di Roberto Saracco, la storia e il futuro delle tecniche di memorizzazione dei dati.

“Non so se ci abbiate fatto caso, ma è da un bel po’ di tempo che i programmatori non si preoccupano più di quanta memoria occupi il loro programma; eppure, ricordo che l’ingegno del programmatore ancora 15 anni fa si misurava nella sua capacità di risparmiare memoria.”

Così inizia il viaggio che, partendo dalle tavolette di argilla con scrittura cuneiforme, arriva fino ai prototipi di memorie a polimeri e alla memorizzazione dei bit a livello di singoli atomi. La quantità di informazioni che è possibile memorizzare rimane, insieme alla capacità di calcolo di un computer, uno degli elementi chiave della legge di Moore, secondo cui la potenza elaborativa di un computer moderno raddoppia all’incirca ogni diciotto mesi (vedi l’ebook “Il futuro della legge di Moore“, sempre di Roberto Saracco). Non solo. Memorie sempre più piccole e più capienti allo stesso tempo saranno la chiave di volta per la realizzazione di apparecchiature intelligenti miniaturizzate, dalle fotocamere digitali di nuova generazione ai microproiettori, dalla penna in grado di memorizzare il testo scritto fino a smart cart che possono memorizzare tutto il vissuto di una persona.

In formato Acrobat PDF, Microsoft Reader e Palm Reader l’e-book può essere scaricato gratuitamente da questa pagina.

L'autore

  • Redazione Apogeonline
    Nella cura dei contenuti di questo sito si sono avvicendate negli anni tantissime persone: Redazione di Apogeonline è il nome collettivo di tutti noi.
    Non pensare che abbiamo scelto questa formula per non rendere merito o prendere le distanze da chi ha scritto qualcosa! Piuttosto in alcuni casi l'abbiamo utilizzata nella convinzione che non aggiungesse valore al testo sapere a chi appartenesse la penna – anzi la tastiera – di chi l'ha prodotto.

    Per contattarci usa il modulo di contatto che trovi qui.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.