ULTIMI 3 POSTI

Corso LANGUAGE DESIGN: PROGETTARE CON LE PAROLE | Milano 28 ottobre

Iscriviti ora
Home
La lunga mano di Pechino sui media di Hong Kong?

16 Novembre 1999

La lunga mano di Pechino sui media di Hong Kong?

di

Secondo alcuni osservatori, certe recenti manovre nel mondo dell’informazione di Hong Kong non sarebbero altro che le prime avvisaglie delle restrizioni in arrivo dal regime di Pechino. Con appena 6,8 milioni di abitanti, Hong Kong rimane uno degli stati asiatici più competitivi e liberi in tale ambito, dove sono attive 45 testate tra quotidiani e settimanali oltre a tre stazioni televisive.

Recentemente il nuovo governo locale ha dato uno scossone alle trasmissioni radio-TV nazionali annunciando il trasferimento del suo aggressivo direttore, Cheung Man-yee, a Tokyo in qualità di dirigente commerciale. E il consiglio nazionale della stampa, organo attivato apparentemente a tutela della privacy dei cittadini, è stato investito dell’autorità di emanare salate multe a quei giornalisti che dovessero mettere in atto “pratiche poco etiche.” Decisione quest’ultima criticata dal console generale statunitense in loco, mentre alcuni rappresentanti dei media non hanno mancato di sottolineare il fatto che a questo punto “parecchi articoli dovrebbero essere vagliati da un avvocato” prima di essere pubblicati. E nel marasma generale, la Asia Television ha deciso di sostituire giornalisti professionisti dei TG con un noto presentatore di varietà e un’ex-bellezza locale.

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.