Home
La luce migliore per la fotografia digitale in bianconero

30 Novembre 2020

La luce migliore per la fotografia digitale in bianconero

di

Ogni tipo di illuminazione naturale porta un effetto diverso ai nostri scatti. Vediamo come e perché.

Il fascino della luce uniforme

Quando si è davanti all’illuminazione naturale si prospetta un binomio che per il fotoartista è inscindibile: stimolo-scatto. È necessario comprendere una cosa fondamentale: un’immagine ben riuscita è quella che coincide con la previsualizzazione. Ogni fotografia in bianconero deve essere frutto di una perfetta captazione degli effetti che la luce produce nel momento in cui rivela le forme dell’oggetto. La difficoltà sta nel cogliere l’attimo sfruttando prontamente gli stimoli visivi, che mutano continuamente.

Nelle riprese d’immagini direttamente in bianconero (TIFF o JPEG), oppure a colori (RAW) ma destinate alla conversione in bianconero, è necessario porsi in condizioni di massima uniformità di luce evitando di fotografare quando il sole, o qualsiasi altro tipo di illuminazione, conferisca al soggetto un excursus tonale superiore a cinque diaframmi.

Secondo la mia esperienza per il bianconero, un’illuminazione uniforme, senza forti contrasti, pone l’operatore in uno stato di assoluta creatività in quanto, senza penalizzare alte e basse luci, offre la possibilità di regolare efficacemente, con un’esposizione ponderata e con gli strumenti offerti dalla post-produzione, la luminosità e il contrasto della scena.

In tutti gli altri casi è bene attenersi alle regole canoniche per non incorrere in risultati deludenti. Mi riferisco in particolare alla ritrattistica, che per antonomasia non sopporta il sole allo zenit nemmeno in nome dell’interpretazione personale. Un’illuminazione diretta e puntiforme, invece, può essere sfruttata limitatamente a particolari esigenze interpretative, per esempio per accentuare le dune e la trama della sabbia nella ripresa di un paesaggio desertico.

Iscriviti alla nostra newsletter

In definitiva, il tipo di luce che reputo ideale per la fotografia in bianconero, con eccezione dei casi suddetti, si trova nelle prime ore del mattino, nel pomeriggio e quando il sole è coperto da nuvole. Vediamo di seguito di approfondire praticamente gli effetti dei diversi tipi d’illuminazione naturale adatta alla fotografia in bianconero.

Luce del mattino (dall’alba e poco dopo): ottima per un gran numero d’immagini di tipo paesaggistico, ma anche per soggetti in cui l’atmosfera di solitudine caratteristica delle prime ore della giornata gioca a favore sia della discrezione sia della morbidezza degli eventi naturali.

Dal momento che l’intensità di questo tipo di luce è soggetta a cambiare repentinamente nel tempo, è necessario agire rapidamente per non perdersi atmosfere uniche. Per esempio, l’immagine nella prossima figura, con un moderato viraggio digitale al ferro, raffigura un tratto di campagna abruzzese nelle prime ore del mattino. La presenza di una leggera nebbia, durata pochissimo tempo, ha favorito la realizzazione di un’atmosfera davvero unica.

Per il bianconero le prime ore del mattino sono sempre molto creative, perché forniscono un’atmosfera particolare e non di facile riproduzione fotografica

Per il bianconero le prime ore del mattino sono sempre molto creative, perché forniscono un’atmosfera particolare e non di facile riproduzione fotografica.

Luce del pomeriggio (in ombra piena): per i ritratti la luce migliore è quella del tardo pomeriggio, specialmente se corretta da sorgenti di luce supplementari (pannelli riflettenti) che permettono di definire meglio il soggetto. Per esempio, l’immagine nella figura seguente è stata resa possibile grazie alla presenza di luce pomeridiana diffusa da un cielo coperto in ombra piena. In questo caso, la luce ambiente funziona come supporto avvolgente che poggia su uno sfondo tridimensionale sfocato, che fornisce il bokeh perfetto per far risaltare il primo piano.

La luce pomeridiana o coperta da nuvole rappresenta l’illuminazione
ideale per molti generi fotografici in bianconero; in questo caso un ritratto in low key

La luce pomeridiana o coperta da nuvole rappresenta l’illuminazione ideale per molti generi fotografici in bianconero; in questo caso un ritratto in low key.

Luce diretta, parzialmente filtrata da nuvole: l’intensità di questo effetto dipende in larga misura dallo spessore e dalla quantità di nuvole che la luce solare deve attraversare. Per i motivi già descritti, è un tipo d’illuminazione ideale per la fotografia in bianconero in low key. L’immagine qui sotto rappresenta un tipico esempio di luce frontale, parzialmente filtrata dalle nuvole, che in controluce assume una valenza particolare come si manifesta nell’effetto finale.

La luce frontale parzialmente filtrata dalle nuvole, in vari gradi, rappresenta nella fotografia in bianconero quanto di meglio si possa desiderare in termini di resa tonale

La luce frontale parzialmente filtrata dalle nuvole, in vari gradi, rappresenta nella fotografia in bianconero quanto di meglio si possa desiderare in termini di resa tonale.

Questo articolo richiama contenuti dal capitolo 5 di Fotografare in bianconero, di Marco Fodde.

Immagine di apertura originale dell’autore.

L'autore

  • Marco Fodde
    Marco Fodde è chimico biologo e appassionato di fotografia da oltre cinquant'anni. Unendo le conoscenze in questi ambiti, comincia a studiare l'elaborazione fotografica nelle tradizionali camere oscure. Con l'avvento della fotografia digitale si applica per adattare la sua esperienza agli strumenti informatici e continua ad approfondire i suoi studi.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.

Corsi che potrebbero interessarti

Tutti i corsi
webinar-progettare-contenuti-per-una-landing-page-che-funziona-cover Corso Online

Progettare contenuti per una landing page che funziona

Vuoi migliorare l'efficacia dei testi di una landing page? Valentina Di Michele e Andrea Fiacchi ti insegnano cosa fare e cosa evitare per progettare i contenuti di una pagina che converte.

con Valentina Di Michele, Andrea Fiacchi

Food-e-Wine-strategie-di-comunicazione-digitale-cover Corso Online

Food & Wine: strategie di comunicazione digitale

Per il settore enogastronomico le reti sociali sono una grande opportunità per raccontarsi e trasmettere la qualità di un prodotto o di un locale. Se vuoi capire come farlo al meglio, il corso di Barbara Sgarzi può aiutarti.

129,00

con Barbara Sgarzi

Fare_una_strategia_di_Instagram_Marketing-home Corso Online

Fare una strategia di Instagram Marketing

Ti sembra che la tua attività su Instagram proceda senza una direzione chiara? Ti manca una strategia. Chiara Cini ti aiuta a mettere in piedi un canale di successo che ti avvicini ai tuoi obiettivi.

199,00

con Chiara Cini