Home
La legge australiana per la regolamentazione di Internet è inapplicabile e inefficace

23 Maggio 2001

La legge australiana per la regolamentazione di Internet è inapplicabile e inefficace

di

Il primo tentativo, attuato in un paese industrializzato, di censurare Internet non ha dato i risultati sperati. Su 491 denunce, ben 469 riguardavano siti stranieri, ai quali la legge non è applicabile.

L’Elettronic Frontier Australia – un’organizzazione australiana per la protezione e la promozione delle libertà civili su Internet – ha denunciato l’assurdità della nuova legge per la regolamentazione di Internet, entrata in vigore in Australia il 1° gennaio 2001.

La legge prevede, infatti, che i cittadini debbano denunciare l’esistenza di contenuti pornografici, offensivi o illegali presenti sui siti web.

Tuttavia, secondo quanto è emerso da un rapporto pubblicato di recente, delle 491 denunce presentate nel corso del 2000, solo 22 riguardavano contenuti presenti sui siti creati e diffusi in Australia e, pertanto, sottoposti alla legge in questione.

Se è vero che l’Australia è stato il primo paese industrializzato a “censurare” Internet, è altrettanto vero che la maggior parte degli sforzi compiuti dalla Austarlian Broadcast Authorithy (ABA) – vale a dire dall’autorità responsabile delle telecomunicazioni – finiscono per concentrarsi su siti situati all’estero, che devono essere identificati, prima di informare i fornitori di accesso che sono tenuti a impedire la connessione.

Inoltre, molti dei contenuti incriminati vengono pubblicati online attraverso i newsgroups, senza che sia possibile stabilire se sono stati inviati dall’Australia.

Anche qualora i server australiani, in ossequio alla legge, dovessero censurare i forum controversi, questi sarebbero comunque facilmente raggiungibili attraverso i server stranieri.

Molti siti, infatti, subito dopo l’entrata in vigore della legge, hanno spostato la loro sede all’estero e gli stessi siti già censurati dall’ABA, potrebbero farlo, nel pieno rispetto della legalità.

L’Electronic Frontier Australia sta cercano da mesi di ottenere informazioni sui siti incriminati e sulla conclusione delle vicende giudiziarie nelle quali sono stati coinvolti, ma il governo australiano continua a rifiutarsi di fornire comunicazioni in proposito.

L’organizzazione ha criticato, inoltre, l’enorme costo necessario per l’applicazione di questa legge che è considerata assolutamente inefficace, nonché l’assurdità di affidare agli internauti australiani compiti di vigilanza e denuncia normalmente di competenza delle forze dell’ordine.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.