FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
La Federal Trade Commission americana lancia l’allarme sulla pubblicità nascosta online

19 Luglio 2002

La Federal Trade Commission americana lancia l’allarme sulla pubblicità nascosta online

di

Il link promozionali contenuti nelle pagine dei siti Web dovrebbero essere segnalati in maniera più chiara dai motori di ricerca. La commissione federale americana per il commercio ha invitato gli operatori a garantire una maggiore trasparenza

I link promozionali costituiscono, generalmente, parte integrante delle pagine Web segnalate dai motori di ricerca e sono segnalati graficamente in modo tale che sia difficile per gli utenti distinguere i link sponsorizzati dai risultati gratuiti generati dai motori di ricerca.

La Federal Trade Commission (FTC), la commissione federale americana per il commercio, ha perciò deciso, nei giorni scorsi, di chiedere espressamente ai motori di ricerca e ai siti affiliati ai sistemi di posizionamento a pagamento di consentire agli internauti di poter distinguere più chiaramente i risultati sponsorizzati dagli altri.

L’intervento della FTC è stato sollecitato dalla Consumer Alert, un’associazione americana per la difesa dei consumatori, co-fondata da Ralph Nader, che aveva intentato, lo scorso anno, una causa contro alcuni tra i più noti motori di ricerca, per pubblicità ingannevole.

Un sondaggio realizzato dall’associazione Consumer Union, poi, ha dimostrato che quasi il 60% degli internauti non sa che molti siti utilizzano il sistema dei link sponsorizzati per far emergere alcune pagine tra i risultati ottenuti con i motori di ricerca, e che l’80% degli intervistati vorrebbe che i siti affiliati segnalassero in modo più evidente la loro partnership con le società di posizionamento a pagamento e indicassero i link sponsorizzati.

Dopo il monito della FCT, alcuni siti hanno già preso provvedimenti. MSN (Microsoft), per esempio, ha trasformato la dicitura “liste specialistiche” in “siti sponsorizzati”. Terra Lycos (Lycos e HotBot) ha iniziato a indicare i risultati a pagamento come “ricerche sponsorizzate”.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.