FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
La conoscenza come bene pubblico comune: Open Source Vs Copyright

19 Settembre 2003

La conoscenza come bene pubblico comune: Open Source Vs Copyright

di

Il 17 e 18 novembre 2003 la Sala 500 del Centro Congressi del Lingotto di Torino ospiterà il Convegno internazionale "La conoscenza come bene pubblico comune: software, dati, saperi", organizzato dal Comitato Tecnico Scientifico del CSI-Piemonte

Obiettivo del convegno è quello di approfondire i temi della libera diffusione del sapere, della proprietà delle informazioni (brevetti, licenze e copyright) e dei software per trattarle (open source o free).

Alla due giorni di lavoro interverranno rappresentanti delle aziende private e della Pubblica Amministrazione italiana ed europea e alcuni fra i personaggi di spicco del settore ICT.
Fra questi: Lawrence Lessig (Stanford Law School), Angelo Raffaele Meo (Politecnico di Torino), Luciano Gallino, Alberto Piazza e Marco Ricolfi (Università degli Studi di Torino), Alberto J. Cañas (University of West Florida), Alberto Primo Braga (Banca Mondiale), Commissione Europea, Carlo Batini (Università di Milano), Jean-Pierre Dardayrol (CGTI), Georg C. F. Greve (Free Software Foundation Europe), Leonardo Chiariglione (Digital Media Project), Andrea Valboni (Microsoft Italia), Hellmuth Broda (Sun Microsystems), Renato Peditto (IBM).

Iscriversi al convegno è molto semplice. È sufficiente collegarsi entro il 19 ottobre alla sezione del sito CSI dedicata all’appuntamento e inserire i propri dati nell’apposita form on line. Per ulteriori informazioni è possibile contattare la Segreteria organizzativa della manifestazione (tel. 011.316.8683, fax 011.316.8970, e-mail: [email protected]).

L'autore

  • Redazione Apogeonline
    Nella cura dei contenuti di questo sito si sono avvicendate negli anni tantissime persone: Redazione di Apogeonline è il nome collettivo di tutti noi.
    Non pensare che abbiamo scelto questa formula per non rendere merito o prendere le distanze da chi ha scritto qualcosa! Piuttosto in alcuni casi l'abbiamo utilizzata nella convinzione che non aggiungesse valore al testo sapere a chi appartenesse la penna – anzi la tastiera – di chi l'ha prodotto.

    Per contattarci usa il modulo di contatto che trovi qui.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.