FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
La bolla hardware

14 Ottobre 2016

La bolla hardware

di

“Mi chiedo se stia per arrivare il trimestre in cui una singola azienda otterrà tutti i profitti del mercato dei cellulari.”

La frase è di Horace Dediu, analista di Asymco, all’indomani della sequenza di incendi e surriscaldamenti che hanno portato Samsung a terminare la produzione di Galaxy Note7. (Chi ne ha uno consideri seriamente di cambiare.)

La vicenda costerà molto all’azienda coreana, anche se presumibilmente meno dei diciassette miliardi di dollari sparati da Reuters. Potrebbe essere sufficiente ad azzerare nel breve i profitti di Samsung nel settore. Dove Samsung, assieme ad Apple, raccoglieva finora più del cento percento dei profitti totali.

Google ha appena annunciato la propria linea di smartphone Pixel, che viene prodotta da HTC. La quale guadagnerà non dalla vendita con il proprio marchio, assente sui modelli annunciati, ma dall’accordo con Google. In pratica, l’azienda taiwanese ha preferito (o si è vista costretta a) produrre su commessa, come una Foxconn, invece di competere nella vendita al dettaglio.

Il resto, si diceva, sono briciole. Microsoft ha compiuto un lungo viaggio dagli accordi con Nokia fino al suo assorbimento fino ad abbandonare nella sostanza la gara. Gli emergenti cinesi, come Huawei e Xiaomi, hanno avuto buon gioco nel buttarla sul prezzo e togliere fiato a Samsung, però seguono un modello di business che appunto taglia i costi al posto di creare valore. Viene già cannibalizzato da ancora più sotto (Oppo, ZTE, Vivo) e ha già dato segni di rallentamento.

Mantenerli costa

Accendere un business di telefoni intelligenti rende. Continuare a farlo rendere dopo il successo iniziale riesce solo ad Apple e, finora, a Samsung. Altrimenti si va in pari o in perdita. Il business rende inoltre a Google ma indirettamente, grazie alla vendita degli utenti agli inserzionisti. Per altri non c’è spazio.

Mentre le sottomarche ci saranno sempre, avremo da qui a tre anni una significativa riduzione delle marche di smartphone in vendita. È stata una bolla e scoppierà presto. A chi progetta acquisti che durino nel tempo occorre da adesso fare bene i calcoli.

L'autore

  • Lucio Bragagnolo
    Lucio Bragagnolo è giornalista, divulgatore, produttore di contenuti, consulente in comunicazione e media. Si occupa di mondo Apple, informatica e nuove tecnologie con entusiasmo crescente. Nel tempo libero gioca di ruolo, legge, balbetta Lisp e pratica sport di squadra. È sposato felicemente con Stefania e padre apprendista di Lidia e Nive.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.