Home
Italia e innovazione: una relazione possibile?

04 Marzo 2003

Italia e innovazione: una relazione possibile?

di

Antonio Emmanueli, Presidente Smau, giovedì 6 marzo presenterà a Roma, alla presenza dei Ministri Lucio Stanca e Maurizio Gasparri, il volume "Italia.ICT. Innovazione e competitività del Sistema Paese", che contiene i risultati della ricerca IDC sull'Information Society Index

La ricerca pone l’Italia al 23° posto, su 55 Paesi – così come nel 2002 – e la esclude dalle prime 10 posizioni nelle quattro aree principali: PC, informazione, Internet e sociale; nonostante la buona posizione nei cellulari. I dati confermano le difficoltà del nostro Paese nello sviluppo di infrastrutture e servizi innovativi.

Il 49,8% della rete in fibra ottica è concentrato nelle regioni del Nord (29,8% Nord Ovest e 20% Nord Est), contro il 25% nel Centro e il 25,2% nel Sud e nelle Isole. Solo il 30,6% delle aziende italiane utilizza connessioni a banda larga, con una netta prevalenza della tecnologia xDSL (22%).

Per quanto riguarda il mercato ICT in Italia, il 2002 è da ricordare come un anno difficile per l’economia nel suo complesso e per il settore in modo particolare. Il mercato ha chiuso il 2002 con una crescita dell’1%, trend che dovrebbe rimanere invariato nel 2003 e ripartire in modo più promettente nel 2004 (+4,5%).

Sulla base di questi dati, Emmanueli presenterà il “Manifesto dell’Innovazione”, un documento di cui Smau si fa promotore e che chiama a raccolta i protagonisti del Sistema Paese, dalle istituzioni ai media, dal mondo accademico alle aziende e agli utenti, per impegnarli a perseguire con determinazione la strada dell’innovazione tecnologica.

La manifestazione potrà essere seguita in diretta su Ventiquattrore TV, l’emittente satellitare del Gruppo Il Sole 24 Ore, su Tele+ Digitale (canale 128), su Stream e, in streaming, sul sito Ventiquattrore TV.

L'autore

  • Redazione Apogeonline
    Nella cura dei contenuti di questo sito si sono avvicendate negli anni tantissime persone: Redazione di Apogeonline è il nome collettivo di tutti noi.
    Non pensare che abbiamo scelto questa formula per non rendere merito o prendere le distanze da chi ha scritto qualcosa! Piuttosto in alcuni casi l'abbiamo utilizzata nella convinzione che non aggiungesse valore al testo sapere a chi appartenesse la penna – anzi la tastiera – di chi l'ha prodotto.

    Per contattarci usa il modulo di contatto che trovi qui.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.