Home
Internet su cellulare, a un passo dalla maturità

29 Dicembre 2009

Internet su cellulare, a un passo dalla maturità

di

Nuovi annunci da parte di sviluppatori e provider fanno pensare a un anno di forte sviluppo per la connettività su dispositivi mobili

Il 2010 sarà l’anno della maturità per internet su cellulare. Lo dicono numerosi indizi, a livello internazionale: l’impegno di grandi attori, da ultimo anche di Google; l’innovazione di software internet per il cellulare, come browser e client VoIP. Tutti corrono alla grande festa che prevedono ci sarà. Gli operatori italiani sono pronti a raccogliere i frutti. Sarà da vedere se, con la maturità del mercato, cambieranno anche le loro politiche tariffarie, che al momento peccano di scarsa trasparenza e di una certa miopia di fondo, come dimostrano i ripetuti interventi di Agcom e dell’Antitrust, tuttora in corso, a difesa degli utenti.

Browser

Certo è che il boom delle connessioni su cellulare è sotto gli occhi di tutti e sta avvenendo in modo molto diverso rispetto alla crescita avvenuta per l’internet via pc. Progredisce infatti da subito anche nei Paesi in via di sviluppo, come dice uno studio di Opera uscito pochi giorni fa (sono gli autori dei browser più usati su cellulare). Nei Paesi poveri, i cellulari sono più adatti dei computer per navigare, per motivi socio-economici. Viene proprio dai creatori di browser uno dei segnali più forti, che la svolta è vicina: Opera 10 è uscito in beta a novembre per cellulari, a giorni arriverà il primo browser mobile di Mozilla (Fennec). E si attende a gennaio, per Symbian, il primo browser in grado di supportare il Flash completo (versione 10) su cellulari: Skyfire 1.5 (già disponibile per piattaforma Windows Mobile).

L’assenza di un Flash degno di questo nome è stato finora, in effetti, uno degli indizi di immaturità dell’internet su cellulare. Adobe ha già annunciato che lo pubblicherà appunto nel 2010, per tutti gli smartphone eccetto iPhone (a quel punto non sarà più necessario navigare con Skyfire per avere Flash completo). Ricordiamo che il Flash completo aprirà la porta a tutte le applicazioni web già realizzate per pc. A questo proposito, l’altra colonna portante dell’internet mobile sono i negozi di applicazioni: Ovi Store, Vodafone 360 e Android hanno appena cominciato a fare concorrenza all’App Store; nel 2010 faranno sul serio.

Neutralità

Google sta facendo pressione su questo mercato, in un crescendo di iniziative. Hanno cominciato negli Stati Uniti, facendo lobby presso i regolatori e riuscendo ad aprire i network degli operatori mobili a principi di neutralità tecnologica. Ha fatto poi accordi con gli stessi operatori, negli Usa e in Europa, per sostenere i propri servizi sulle piattaforme mobili. Il lancio di Android e di Google Voice (numero unico VoIP) è stato il passo successivo e nel 2010 sarà la volta del suo primo cellulare (Nexus One). Come si vede, è stata un’avanzata continua da dietro le quinte fino alla prima linea del mercato.

Che questo sia un mercato in cui bisogna finalmente puntare se n’è accorto anche Skype, in questa sua nuova e più agguerrita fase (dopo l’abbandono di eBay). Ha appena lanciato (in beta) la prima versione completa per cellulari Symbian. È noto che Skype ha sempre tentennato sull’uscio del mercato telefonico, preferendo distribuire il proprio servizio attraverso accordi con gli operatori. Una scelta però che l’ha condannato a una nicchia (tra gli utenti di H3G), visto che i principali operatori sono rimasti indifferenti o ostili al VoIP. Ma qualcosa sta cambiando, nelle alte sfere della telefonia: O2 ha appena comprato Jajah per 200 milioni di dollari. O2 è del gruppo Telefonica, uno dei principali operatori mondiali.

Italia

L’Italia probabilmente parteciperà appieno alla festa dell’internet su cellulare, che già da noi vanta circa 7 milioni di utenti in un boom che abbiamo già definito “selvaggio”. Da una parte, gli operatori accelerano con le offerte per internet, sfruttando fenomeni come Facebook, mostrandosi attenti al nuovo vento che spira- per la prima volta, Wind l’ha reso gratuito via sms qualche giorno fa. Dall’altra, gli operatori mobili restano gli stessi nel loro intimo: stessa filosofia di sempre, nelle offerte e nelle strategie. Un indizio: non cessa il fenomeno delle super bollette per chi naviga in internet mobile. Agcom e Antitrust, dopo l’inchiesta di quest’estate continuano a monitorare il settore e si apprestano a chiedere tariffe internet mobile più trasparenti. Agcom indaga anche sugli operatori mobili che limitano alcune applicazioni: per la prima volta, un’istituzione italiana affronta così il tema della neutralità della rete.

Il problema di fondo è che le tariffe internet mobile sono ancora una corsa a ostacoli: bisogna stare attenti a configurare sul cellulare l’apn (punto di accesso) giusto, a seconda dell’offerta sottoscritta, e se si naviga con quello sbagliato si paga salato. Non solo: le offerte hanno limiti bizantini di tempo (con scatti ogni 15 minuti, che sembrano fatti apposta per far spendere più del previsto) e di applicazioni web utilizzabili. Se l’utente sottoscrive un’offerta che include solo il browsing e poi prova a scaricare alla posta, sono di nuovo dolori. Agcom forse non ha il potere di costringere gli operatori a fare offerte più semplici e neutrali, ma può obbligarli a una maggiore trasparenza. Le soluzioni sono numerose: sms che configurano in automatico l’Apn giusto, per l’offerta sottoscritta; possibilità di bloccare le navigazioni non incluse nel canone (così l’utente non rischia di eccedere nelle ore o nel tipo di applicazioni utilizzate). Chissà, magari anche queste cose rientreranno nei buoni propositi del 2010.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.