RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Internet sì, ma con parsimonia

02 Marzo 2009

Internet sì, ma con parsimonia

di

Nuovi aggiustamenti alle offerte dei maggiori operatori italiani di telefonia mobile. Restano, tuttavia, molte restrizioni: non è facile orientarsi tra le attività ricomprese nelle flat vantaggiose e quelle a prezzo pieno

C’è illusione di libertà nelle nuove offerte ritoccate dagli operatori per navigare sul cellulare tramite la loro rete. Da ultima, 3 Italia ha allargato i contenuti associati a X-Series. Il giudizio sulle novità dipende se siamo abituati a vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto: è vero, le offerte migliorano, ma ancora tradiscono l’odore pregnante di staccionata. Di giardino recintato. Le offerte sono economiche, a patto di restare nei confini voluti dall’operatore in termini di cose da fare sul web. Sempre meglio delle carissime offerte di qualche tempo fa, ma ancora non è la vera internet, aperta e neutrale nei confronti delle applicazioni fruibili.

Vediamo le nuove X-Series. Che cosa includono, in un euro al giorno, tre alla settimana o nove al mese (a seconda della tariffa scelta dell’utente)? Un pacchetto di cose (tante, ma solo quelle): tutto il web, a patto che lo navighi con il browser scelto da 3 Italia (Www, di Novarra). L’instant messaging, ma solo quello di Msn (“messaggi illimitati”, ma in una nota in piccolo si legge che sono 300 al giorno e si conferma che gli operatori intendono parole come “illimitato”, “per sempre”, “gratis” in modo diverso rispetto alla gente comune). Ci sono Facebook e MySpace, il portale mobile di Yahoo! (con relative applicazioni). Skype, 200 minuti al giorno.

Scenario simile a casa Vodafone: 3 euro alla settimana con la ricaricabile (ma 10 euro al mese con l’abbonamento, curiosamente penalizzato) per l’offerta Internet Senza Limiti, che include “tutto il Web che c’è” scrive il sito. Anche in questo caso il concetto di “tutto” è relativo: ci sono i siti web, i messenger di Microsoft e di Yahoo!, YouTube e i social network, ma anche Zyb, che interfaccia la rubrica del cellulare con lo status in social network, in Twitter e Flickr. Caso unico in Italia, la flat include anche la posta via client (con le offerte egli altri operatori, c’è solo la web mail; la posta via client è coperta da eventuali flat a parte). È escluso il traffico fatto con applicazioni non comprese in quest’elenco, espressamente VoIP, altri messenger, ovviamente il peer to peer.

Più ristrette, anche se più economiche, le flat di Wind e di Tim: in 2 euro alla settimana, c’è solo la navigazione sui siti web (ma almeno possiamo scegliere noi il browser). Con Tim, l’instant messaging ha una flat a parte. È evidente che gli operatori intendono aprire il cellulare a internet, nuova promettente fonte di ricavi, andando però con i piedi di piombo, per evitare di danneggiare business tradizionali e sicuri come gli sms. Vogliono inoltre farlo per gradi, per massimizzare i profitti ed evitare di svendere un bene che ritengono prezioso, il traffico dati su rete mobile.

Adesso c’è un braccio di ferro tra i produttori di cellulare, soprattutto Nokia e Samsung, e gli operatori. I primi vorrebbero flat più ampie, lavorano ad accordi per aver tariffe dedicate ai propri servizi; ma ancora l’obiettivo non è raggiunto. Già adesso i servizi che la tecnologia offre sono più avanzati rispetto alle offerte commerciali sottostanti: si pensi ai widget su cellulari Samsung e, con i modelli in arrivo in primavera, di Lg e di Sony Ericsson. Alle varie diramazioni della piattaforma Ovi di Nokia. Dal 2010 ci sarà il primo vero Flash su cellulare ad aprire un mondo di video, di applicazioni. Almeno per allora, gli operatori abbandoneranno davvero il giardino recintato? Per farlo, dovrebbero costringersi a rinunciare a quella internet addomesticata che hanno gestito finora. Lo faranno solo se saranno costretti dai rovesci del business tradizionale e se riusciranno ad ampliare la disponibilità di banda larga in mobilità (adesso risorsa scarsa).

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.