RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Internet provider condannato in Francia

14 Gennaio 2004

Internet provider condannato in Francia

di

Il provider di un sito Internet può essere costretto a rivelare i nomi dei suoi clienti ad altre persone oltre ai giudici? Per un giudice francese la risposta è affermativa

Un giudice del tribunale di Parigi ha ingiunto a Ouvaton, provider Internet del sito Web “Stopub” (il cui nome invita a bloccare la pubblicità negli spazi pubblici ed è la contrazione della frase “Stop Publicité”) di comunicare alla Métrobus (società per il controllo pubblicitario della RATP, l’azienda trasporti della regione parigina) i dati necessari all’identificazione dei responsabili del sito in questione. Una doccia fredda per Ouvaton che aveva rifiutato, all’inizio del mese di novembre, di consegnare a Métrobus i nomi e di oscurare il sito.

In questa controversia, che mette in apprensione il mondo Internet, sollevando ancora una volta la questione della responsabilità dei provider, Ouvaton si è difesa argomentando che, in base alla legge, era pronta a comunicare i nomi dei responsabili del sito alla giustizia, ma non direttamente a Métrobus. Una procedura che comporterebbe tempi troppo lunghi secondo Métrobus, che stima l’importo dei danni causati dai messaggi di sostegno al provider e al sito Web in un milione di euro.

Per porre fine il più presto alle attività di Stopub su Internet, Métrobus aveva scelto di colpire Ouvaton al portafoglio, richiedendo il pagamento di 10.000 euro per ogni giorno di ritardo nella rivelazione dei nomi. Con questa sentenza Métrobus non ha, comunque, ottenuto alcun risarcimento, ma il provider non potrà più fare appello alla legge per preservare l’anonimato degli autori del sito da lui ospitato.

Inaccessibile da molti giorni, il sito “Stopub” non ha commentato la sentenza. L’unica iniziativa, per il momento, è stata quella di registrare il dominio www.stopub.tk, che ha rilanciato i temi e l’azione politica di Stopub.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.