Home
Indagine nazionale sul commercio elettronico

01 Giugno 2001

Indagine nazionale sul commercio elettronico

di

Una ricerca presentata ieri al Sesto Forum Italiano sul commercio elettronico ha indicato alcuni dati ancora poco soddisfacenti sulle vendite on line.

La ricerca è stata condotta da Assintel, Associazione Nazionale Imprese Servizi Informatica Telematica Robotica Eidomatica, e Fed, la Federazione per l’economia digitale. Il campione era di 1.000 imprese nazionali con almeno 10 dipendenti. Secondo lo studio, il 98,7% delle aziende è collegato ad Internet e il 72,6% possiede un proprio sito che utilizza, in via principale, per offrire una vetrina dei propri prodotti (nel 73,6% dei casi) e un catalogo approfondito (38,7%).

In maniera decisamente inferiore il sito viene usato per garantire la possibilità di inoltrare ordini (20,9%) e effettuare pagamenti on line (13,2%).

Questi dati, hanno commentato i responsabili dell’indagine, dimostrano, da un lato, la volontà di portare a conoscenza di una platea amplissima il frutto del proprio lavoro e, dall’altro, di una minore aggressività nella vendita on-line.

In base ai giudizi rilasciati dalle società, la mancata attenzione dei clienti verso le vendite in rete risiede nella paura per la scarsa sicurezza dei dati e dei pagamenti (forti sono le preoccupazioni riguardo l’intercettazione dei dati relativi alla carta di credito), nella mancanza di cultura informatica e nella scarsa diffusione dei computer collegati a Internet.

Rispetto al problema del pagamento e alle questioni di sicurezza, le imprese scelgono metodi diversi per assecondare la fiducia del cliente. Il 54,5% delle imprese contattate offre la possibilità di pagare con carta di credito – protocollo SSL -, il 34,5% quella di un bonifico, il 9,1% quella di pagare con carta di credito – protocollo SET – e ancora il 9,1% quella di pagare con Pagobancomat. Il 32,6% ha richiesto una certificazione di qualità dei siti

Al Sesto Forum Italiano sul commercio elettronico, svoltosi il 30 maggio a Milano presso Palazzo Castiglioni, si è parlato a fondo di applicazioni per l’e-business, di sicurezza, firma digitale, smart card, ecc. La discussione ha interessato anche il futuro dei portali commerciali e le possibilità di business on line per le PMI.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.