Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Indagine del Garante sulla Privacy nel settore delle TLC

27 Marzo 2002

Indagine del Garante sulla Privacy nel settore delle TLC

di

Diciotto società di gestione di telefonia pubblica e privata e alcuni esercizi commerciali abilitati all'attivazione di contratti telefonici, sono oggetto di un'indagine da parte dell'Autorità sulla Privacy

L’indagine è stata avviata a seguito di segnalazioni di cittadini che avevano lamentato la violazione della normativa sulla tutela dei dati personali derivante dall’attivazione, a loro nome, di servizi telefonici non richiesti.

La tematica della riservatezza nel settore delle telecomunicazioni è un argomento molto delicato regolato da diverse norme tra cui la legge sulla privacy (L. 675/96) e la disciplina della privacy nei servizi di telecomunicazione (d.lgs. 171/98).

Nel caso in oggetto alcuni cittadini si erano visti intestare un numero considerevole di carte telefoniche, utilizzate anche da persone indagate e per questo motivo erano state convocate a più riprese dalle forze di polizia che li avevano confusi con i detentori delle schede intestate a loro nome.

Scopo dell’indagine del Garante per la protezione dei dati personali è quello di disegnare un quadro completo dei trattamenti di dati personali effettuati per l’attivazione e la gestione di diversi contratti e al fine di predisporre un provvedimento generale che regolamenti l’intero settore.

Le segnalazioni pervenute all’Autorità possono così essere riassunte:

  • attivazione di più contratti di telefonica mobile a nome di uno stesso utente all’insaputa dell’interessato;
  • attivazione di contratti di telefonica fissa da parte di società telefoniche diverse da quella alla quale l’utente è abbonato (preselezione automatica dell’operatore)
  • attivazione di servizi di telefonica non richiesti da parte della stessa società cui l’utente è abbonato.

Si prevede un intenso periodo in cui gli operatori di telefonica dovranno adeguare i propri piani di marketing aggressivo alla normativa sulla privacy.

Tra gli altri obblighi ricordiamo che, a seguito dell’entrata in vigore del d.lgs. 467/2001, gli operatori di telefonia dovranno, entro il 30 giugno prossimo, permettere a tutti gli abbonati il pagamento della bolletta attraverso strumenti alternativi alla fatturazione.

Approfondimenti in materia di privacy

L'autore

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.