Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti al corso sui Big Data
Home
In Italia le finali del World Cyber Games 2004

24 Gennaio 2003

In Italia le finali del World Cyber Games 2004

di

L’Italia si accaparra le finali mondiali dei giochi virtuali, oggi appannaggio solo della Corea del Sud.
Il 2004, infatti, sarà il primo anno in cui il Grand Final dei World Cyber Games avrà luogo fuori dal territorio Sud Coreano. La candidatura di NGI Spa ad organizzare tale evento è stata ufficialmente accolta da ICM Ltd.

In attesa di avere la comunicazione ufficiale delle specialità concorrenti ai World Cyber Games 2003 prevista per la prossima settimana, sono state comunicati gli Strategic Partner in corsa per organizzare il primo Grand Final ospitato fuori dai confini Sud Coreani. La rosa di candidati è stata determinata considerando le realtà e le competenze dei possibili organizzatori a livello continentale. La scelta è caduta su Stati Uniti, Cina, Australia e Italia.

Gli eventi organizzati Italia nel corso di 6 mesi per selezionare i migliori cyber-atleti italiani e NGI.LAN02 che ha ospitato la finale valida per la formazione della Nazionale Italiana che ha difeso con onore i colori dell’Italia a Daejoun lo scorso ottobre, hanno convinto ICM Ltd che NGI ha tutte le carte in regola sia a livello tecnologico, che organizzativo per ospitare oltre 50 nazionali, giornalisti, TV e rappresentanti delle Nazioni partecipanti in una kermesse di 8 giorni seguita in diretta da tutto il mondo.

“La designazione ufficiale del Paese ospitante avverrà a Los Angeles durante l’E3 – afferma Luca Spada, Amministratore Delegato di NGI – I fatti e gli obiettivi raggiunti gli anni passati hanno dimostrato che grazie a NGI l’Italia può esprimere grandi progetti. Questo ovviamente anche grazie a forti partnership con aziende di livello internazionale”.

“Ora stiamo lavorando per la formazione di un vero e proprio Comitato Città di Milano Olimpica 2004, per non farci trovare impreparati in caso di investitura – continua Luca Spada – Bisogna infatti considerare la posizione strategica dell’Europa sia dal punto di vista geografico che del mercato. Siamo consci del lavoro che questo progetto richiederà, ma siamo altresì consapevoli della valenza di tale progetto per il multiplayer, la banda larga, l’industria IT e turistica italiana.”

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.