ULTIMI 4 POSTI

Corso | LANGUAGE DESIGN: PROGETTARE CON LE PAROLE | Milano 28 ottobre

Iscriviti ora
Home
In Francia l’IVA si paga online

13 Marzo 2002

In Francia l’IVA si paga online

di

Le grandi imprese, dal 1° gennaio 2002, hanno l'obbligo di pagare l'imposta sul valore aggiunto online. Anche molte piccole e medie imprese hanno approfittato della possibilità loro concessa di servirsi della nuova procedura. L'unico svantaggio è il costo della certificazione informatica

Il primo gennaio scorso è finalmente entrato in vigore, dopo una lunga serie di rinvii, l’obbligo – introdotto da un articolo della legge finanziaria 1999 – per le società francesi che hanno un fatturato superiore ai 15,2 milioni di euro (che sono soltanto 30.000 contro i 3 milioni di imprese che operano in Francia), di dichiarare e pagare ogni mese l’IVA per via telematica.

Il bilancio relativo al primo mese di applicazione della nuova disposizione è sostanzialmente positivo.

Le imprese che hanno pagato online l’imposta sul valore aggiunto – per complessivi 4 miliardi di euro – sono state, infatti, circa 44.000, vale a dire 14.000 in più rispetto alle 30.000 per le quali l’utilizzo della nuova procedura informatica è obbligatorio. Moltissime piccole e medie imprese hanno deciso usufruire del servizio telematico e ogni giorno si registrano circa duecento nuove iscrizioni.

Solo in qualche caso, invece, alcune grandi società hanno preferito pagare l’ammenda prevista dalla legge per le imprese inadempienti, corrispondente a un incremento dello 0,4% di quanto dovuto.

La procedura, introdotta per semplificare l’attività dell’amministrazione finanziaria e facilitare l’adempimento degli obblighi previsti in capo alle imprese, ha, però, anche qualche risvolto negativo.

In particolare, oltre ad alcune difficoltà tecniche dovute all’avvio del servizio, l’inconveniente di maggior peso è rappresentato dal costo della necessaria certificazione delle dichiarazioni.

Per garantire l’autenticità della firma elettronica i contribuenti sono, infatti, obbligati a rivolgersi a un certificatore esterno – una specie di notaio elettronico – le cui tariffe variano dai 38 ai 150 euro, in relazione al servizio prestato e alle tecnologie utilizzate.

Oltre al ministero delle finanze, si sono attrezzate per mettere a disposizione delle imprese la nuova procedura “Télé-TVA”, quasi tutte le grandi banche francesi, la Posta, con il sistema “Certnomis” e le camere di commercio, con ” Chambersign”.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.