Home
In Australia su Internet i nomi e gli indirizzi dei pedofili

17 Luglio 2001

In Australia su Internet i nomi e gli indirizzi dei pedofili

di

Un’associazione australiana di vittime della pedofilia entra in guerra contro l’indulgenza dei tribunali locali e decide di pubblicare su Internet nomi, cognomi e indirizzi di tutte le persone condannate per pedofilia dall’anno scorso.

La notizia riportata dalla AFP parla di un’associazione di aiuto alle vittime di questi crimini che non intende tener conto degli avvertimenti dei difensori delle libertà civili e che agisce in ragione della “vera frustrazione sentita dalle vittime, faccia a faccia con avvocati e la giustizia”.

“Prima di tutto, se lo stato non protegge i bambini, allora i genitori devono sapere chi gli abita a fianco”, ha dichiarato il presidente dell’associazione di Melbourne, aggiungendo che la popolazione e la stessa polizia sono sempre più preoccupati per l’inadeguatezza delle pene inflitte per i delitti a sfondo sessuale.

“Il nostro sistema giudiziario continua a non trattare correttamente questo problema – dichiara il presidente – Si direbbe che si pensa che alcune settimane in prigione o ai lavori sociali siano sufficienti a guarire un pedofilo”.

Malgrado il presidente si dichiari cosciente dei rischi che comporta la pubblicazione su Internet delle identità dei pedofili, ha anche detto che il sito sarà protetto.
“Non sarà un sito aperto a tutti – ha spiegato – Le persone dovranno prima contattarci, darci indicazioni sulla loro via e noi gli daremo i nomi e l’indirizzo della persona che sospettano”.

Questa iniziativa fa eco alla pressione della stampa e dell’opinione pubblica australiana che ritengono i tribunali eccessivamente indulgenti contro i pedofili e chiedono al governo di inasprire le norme.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.