RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Illegale lo spam in Austria e Italia

28 Luglio 1999

Illegale lo spam in Austria e Italia

di

Il parlamento austriaco ha passato un emendamento alla nuova legislazione sulle telecomunicazioni che rende illegale l’invio massiccio di messaggi pubblicitari via email senza il consenso preventivo da parte degli interessati. Approvata da tutti i partiti di maggioranza, la norma entrerà in vigore non appena pubblicata sulla gazzetta ufficiale.

Mentre anche il parlamento tedesco sta considerando una similare normativa, altrove in Europa la replica più diffusa allo “spam” si è limitata a misure “in uscita”, quali l’inserimento dell’avviso pubblicitario nel subject del messaggio. Lodevole eccezione quanto entrato in vigore a fine giugno in Italia: l’utilizzo di sistemi telefonici automatici, fax o email per l’invio di pubblicità non richiesta necessita del consenso del ricevente. Una normativa ancora più stringente di quella austriaca. Almeno sulla carta.

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.