FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Il Web Content Management: separare il contenuto dalla presentazione

26 Giugno 2002

Il Web Content Management: separare il contenuto dalla presentazione

di

È arrivato in libreria "Content Management. Progettare, produrre e gestire i contenuti per il Web". Continuiamo il nostro viaggio alla scoperta di questo nuovo libro Apogeo con un contributo di uno degli autori del volume curato da Alessandro Lucchini

Il Web Content Management rappresenta il passo successivo verso la separazione tra il contenuto delle pagine web e il modo in cui viene presentato all’utente, tra la struttura e il design, proseguendo il percorso iniziato con tecnologie quali Cascading Style Sheets e XML

I Sistemi di Content Management (CMS) disponibili sono molti, si va da sistemi aziendali come Vignette e Interwoven a Microsoft Content Management Server e a sistemi praticamente free quali Manila e Zope.

Ma tutti i CMS si basano sulla medesima idea: separare il contenuto dalla presentazione, il content manager dal designer. Il designer si concentra, appunto, sul design, producendo una serie di modelli grafici chiamati template. Il content manager si concentra sulla creazione dei contenuti, in un ambiente separato, senza alcun bisogno di scrivere o modificare codice HTML. Il server prende i contenuti, li raccoglie e organizza in un database centralizzato, li inserisce nel template appropriato, e li trasmette agli utenti finali.

La maggior parte dei CMS permette di progettare diversi template destinati a browser differenti; per esempio possiamo avere una versione del sito che utilizza tecnologie relativamente nuove (quali style sheets, Dynamic HTML) destinata a sistemi di fascia alta (Opera 5, Mozilla/Netscape 6 e Internet Explorer 5/6), una versione in HTML “old fashion” per sistemi di fascia bassa (Netscape 4.x e Internet Explorer 3/4), una versione text-only priva di immagini per l’accesso tramite screen reader o browser testuali (Lynx). Si possono persino realizzare template specifici per web tv e palmari.

E tutte le versioni attingeranno agli stessi contenuti, che non dovranno più essere copiati manualmente all’interno di ciascun file HTML: ci penserà il CMS ad aggiornare le diverse versioni del sito, che sono composte da template “vuoti”, che vengono riempiti dinamicamente con i contenuti appropriati solo nel momento in cui l’utente richiede l’accesso a una determinata pagina Web.

Alcuni CMS offrono infine opzioni di personalizzazione avanzate e consentono di implementare facilmente versioni multilingua del sito.

Come funziona

Un sistema completo di Web Content Management permette di creare, aggiornare, approvare, archiviare, organizzare, pre-visionare e pubblicare tutti i contenuti di un sito web.

Un CMS permette inoltre di creare e gestire:

  • La struttura e l’organizzazione stessa del sito
  • I processi e i flussi di lavoro
  • Gli utenti e i relativi permessi di accesso al sito
  • Gli strumenti di reporting e analisi

Vediamo ora più i dettaglio la differenza che intercorre tra la gestione manuale e quella automatica (ovverosia tramite CMS) di un sito web.

Gestione manuale

  1. Gli autori di contenuti producono i documenti e li inviano al web designer
  2. Il web designer impagina i contenuti manualmente all’interno di pagine HTML statiche e li pubblica sul web server
  3. Gli utenti accedono ai contenuti via browser in modo indifferenziato

La gestione manuale dei contenuti comporta i seguenti problemi:

  • Richiede l’intervento di un esperto che “traduca” i contenuti dai diversi formati disponibili in pagine HTML.
  • Lentezza nell’aggiornamento e nella pubblicazione dei contenuti: ciascun nuovo intervento va fatto in modo manuale modificando direttamente il codice di ciascuna pagina web.
  • Difficoltà di mantenere l’integrità dei collegamenti tra le pagine (link), l’organizzazione dei contenuti e i percorsi di navigazione del sito.
  • Rigidità delle informazioni: i contenuti sono dispersi e indifferenziati all’interno del codice HTML, non sono indicizzati per ricerche o categorie e non sono riutilizzabili.
  • Non è possibile utilizzare alcun filtro di personalizzazione di contenuti/servizi basato sul profilo di ciascun utente web che accede al sito.
  • In breve tempo si giunge alla perdita di consistenza grafica e visiva delle pagine web, e degli elementi di navigazione.

Gestione automatica

  1. Gli autori/fornitori di contenuti producono i documenti e li inseriscono direttamente nel sistema di content management attraverso un’interfaccia basata su browser web
  2. I contenuti vengono raccolti e organizzati in un database che automatizza la gestione e la pubblicazione sul web server all’interno di pagine template dinamiche
  3. Il web master verifica i contenuti e autorizza le pubblicazioni
  4. Gli utenti accedono ai contenuti via browser web in modo personalizzato rispetto a ciascun profilo utente

La gestione automatica dei contenuti presenta i seguenti vantaggi:

  • Gli autori possono pubblicare direttamente i contenuti nel sistema senza bisogno di conoscere o manipolare codice html, attraverso un comune browser web.
  • Prima di procedere alla pubblicazione, è possibile attivare procedure di revisione e approvazione dei contenuti.
  • I contenuti sono riutilizzabili e modificabili a piacimento.
  • I contenuti vengono organizzati per permettere ricerche, categorizzazioni e matching automatici.
  • L’aggiornamento e la pubblicazione sono molto veloci (eventualmente in tempo reale).
  • Flessibilità nella gestione automatica della struttura dei contenuti, dei link e delle modalità di navigazione, con la generazione di liste, novità, aggiornamenti ecc.
  • La pubblicazione avviene automaticamente all’interno di modelli grafici (template) predefiniti, in modo dinamico.
  • È possibile attivare funzionalità di personalizzazione e selezione dei contenuti a seconda dei profili utente che accedono al sistema via web.

In conclusione, un CMS permette di ottimizzare i flussi di lavoro e di valorizzare le competenze di designer e content manager, che possono così concentrarsi su quello che sanno fare meglio senza doversi preoccupare della tecnologia e perdere tempo in noiosi, e poco produttivi, copia&incolla.

Questi temi vengono approfonditi nel libro Content Management, uscito in questi giorni in libreria, realizzato in un’aula del Master Web Content Manager di Ateneo Multimediale. Il libro nasce con la prospettiva di continuare nel Web, vivendo dei contributi di chi lavora nel mondo di internet e si confronta ogni giorno con i suoi problemi.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.