RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Il Web animato con Shockwave

17 Settembre 1999

Il Web animato con Shockwave

di

Viaggio all'interno di Shockwave Flash, l'ideale per dare un po' di vita alle pagine Web. Ormai uno standard nel suo settore.

Per creare animazioni e dare interattività alle pagine Web, mantenendo una buona velocità la Macromedia ha pensato di creare un tipo di file compressi chiamati Shockwave, la visualizzazione di questi file avviene in streaming (come per Real player) attraverso lo ShockWave player, un proiettore che è incluso nel browser Explorer 5 e nel sistema operativo Windows 98 e che i browser antecedenti possono scaricare direttamente dal sito Macromedia.

Con Shockwave si possono realizzare sia elementi delle pagine: tasti con mouse-over/out/down, banner e animazioni molto più leggere rispetto a gif animate (come il sito http://www.barilla.it),sia movie completi, pronti per essere inseriti nella pagina HTML formandone l’unico contenuto (come ad esempio il sito http://www.2000.it); si possono inoltre inserire suoni associati ad eventi o musiche di sottofondo, link ipertestuali, campi testo etc.

Per generare i file ShockWave si possono usare due programmi: Flash o Director (entrambi della Macromedia). Il primo è espressamente orientato per il Web, il secondo invece è il tool più usato per creare CD-ROM. Indubbiamente Flash (attualmente alla versione 4) è molto flessibile e facile da usare e consente in poco tempo di realizzare animazioni di buon livello, in particolare questa sua ultima versione consente interazioni avanzate con l’utente, dando la possibilità allo sviluppatore di scrivere parti di codice e di utilizzare strumenti più evoluti per la gestione del movie nonché la compressione in formato MP3 dell’audio.

Director (alla versione 7) è più complicato e costoso ma consente di creare lavori di maggiore complessità visto che incorpora un vero e proprio linguaggio di programmazione, il Lingo. La maggior parte dei siti realizzati con tecnologia ShockWave comunque sono realizzati in Flash, visto che con l’uso della grafica vettoriale si ha il vantaggio di esportare filmati piuttosto leggeri, inoltre Flash ha numerosi vantaggi, come la verifica del flusso di scaricamento in base alla velocità del modem dell’utente, la possibilità di interagire con database, la capacità di salvare il filmato in Quicktime o Java.

Flash surclassa decisamente i suoi “concorrenti”: Gif animate, Dhtml, Css e Javascript (con cui tra l’altro ha la possibilità di interagire) racchiudendo in un unico programma tutte le componenti necessarie per realizzare un sito dinamico, leggero, funzionale ed estremamente accattivante dal punto di vista grafico.

Concludendo Shockwave Flash si rivela l’ideale per dare vita alle pagine Web ed è oggettivamente riconosciuto come lo standard nel suo settore, con l’unica pecca della necessità di dover scaricare il plug-in per i browser meno recenti, anche se viene stimato che il 67% dei navigatori attualmente in circolazione è dotato di questo componente.

Se l’argomento vi interessa e volete saperne di più vi consiglio il newsgroup italiano sulle applicazioni Macromedia it.comp.appl.macromedia;
oppure il sito della Macromedia http://www.macromedia.com/ o “.it”.

Se invece volete valutare le capacità di Shockwave ecco una carrellata di siti che ne fanno uso:

http://www.wddg.com/challenge/
http://www.gabocorp.com
http://clans.quake2.co.uk/n3d/
http://www.macromedia.com/software/director/gallery/d7gallery/
http://www.eye4u.com/
http://www.yenz.com/
http://www.nrg.be/
http://www.e3direktiv.com/

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.