Risparmia il 20% su tutti i corsi

Iscriviti con il codice sconto 1POSTOALSOLE, ma attenzione: può essere usato solo 50 volte

Approfittane subito
Home
Il satellite per portare ovunque la larga banda

09 Ottobre 2001

Il satellite per portare ovunque la larga banda

di

Tredici gradi Est. Cosa sia lo sanno bene i numerosi utenti satellitari italiani che adornano di “padelloni” i tetti delle nostre case: è la direzione su cui puntare il ricevitore …

Tredici gradi Est. Cosa sia lo sanno bene i numerosi utenti satellitari italiani che adornano di “padelloni” i tetti delle nostre case: è la direzione su cui puntare il ricevitore per ottenere il segnale dal satellite Hot Bird e le relative stazioni televisive e radio.

Un sondaggio Demoskopea fornisce i dati sulla ricezione satellitare in Italia e vedono la penetrazione di Hot Bird aumentare del 36% in modalità cavo e satellite, portando a 3.200.000 le famiglie italiane collegate. La ricezione diretta del satellite con l’antenna parabolica aumenta più di quella via cavo: +50%.

Dati, tuttavia, prudenziali: al sondaggio si ritiene che si sia sottratta buona parte degli utenti che utilizzano accessi pirata alle TV a pagamento, cosa che porterebbe il dato reale a superare i 4.000.000 di paraboliche puntate a 13° Est.

Questi dati sono stati forniti da Giuliano Berretta, presidente e amministratore delegato di Eutelsat durante una conferenza stampa a Sat Expo, dove sono stati presentati anche i progetti futuri per Opensky e l’attivazione di Atlantic Bird 2.

Questo nuovo satellite sarà inaugurato per un’importante avvenimento: il centenario della prima trasmissione radio.
“Con Atlantic Bird 2 siamo pronti per il centenario della prima trasmissione radio attraverso l’Atlantico, fatta da Marconi, che sarà celebrato il 12 dicembre prossimo. È per questo che abbiamo dedicato il satellite al grande inventore bolognese”, dice Giuliano Berretta.

Le operazioni di attivazione del satellite dopo il lancio si stanno svolgendo a tempo di record in seguito ai tragici avvenimenti americani: “La domanda da parte delle reti televisive mondiali, soprattutto americane, è salita – aggiunge il presidente di Eutelsat – e il nostro “Marconi” è proprio a metà strada tra la costa occidentale degli USA e l’Asia centrale. In pratica la sede della CNN, attraverso Atlantic Bird 2, vede Kabul”.

Si tratta del primo grande satellite transatlantico di Eutelsat, che va a posizionarsi a 8° Ovest, uno degli snodi di TLC più trafficati del mondo. Il suo valore per l’Italia è fuor di discussione: Telespazio, società satellitare di Telecom Italia, ha già prenotato una buona parte di capacità di Atlantic Bird 2 per la propria piattaforma atlantica.

Giuliano Berretta ha iniziato la tradizionale conferenza stampa a SAT Expo sulla penetrazione della ricezione satellitare in Italia con un fuori programma: “L’11 settembre internet era bloccato: le normali linee erano ingolfate e non si riusciva ad aprire i siti americani per informarsi sugli attentati. A Parigi con Opensky siamo riusciti a leggere i siti d’informazione statunitensi evitando l’intasamento delle dorsali terrestri”.

“A proposito di Opensky è importante che le piattaforme di invio del segnale siano nelle vicinanze della produzione dei contenuti: ecco perché è bene che nascano diverse piattaforme a livello regionale. Come quella Euphon a Torino per il Nordovest, altre ne nasceranno a Nordest e già oggi Opensky utilizza, oltre alla piattaforma France Telecom di Rambouillet, anche quella Divona (Monaco Telecom) e quella di Telespazio a Roma”.

È una moltiplicazione necessaria: “Oggi Euphon ha 34 Mbps sul nostro satellite W3 a 7° Est, pari a un trasponditore, ma di trasponditori ne serviranno almeno 50 per soddisfare le esigenze della banda larga in Europa”. E agli scettici della larga banda via satellite Berretta manda a dire: “Il satellite è l’unico mezzo in grado di portare direttamente ovunque la larga banda”.

Opensky è un sistema aperto, per dare la possibilità a tutti gli operatori di accedere alla piattaforma. In Italia per ora ci sono 2000 PC collegati e per sviluppare il mercato Eutelsat ha fatto un accordo con Computer Discount. Presto con Opensky si potrà anche accedere direttamente ad Internet con antenne bidirezionali: a sperimentare la nuova modalità DVB-RCS sono aziende Usa e israeliane, oltre alla norvegese Nera.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.