Home
Il Principe di Danimarca si regala un sito personale: istruzioni su come diventare re

03 Giugno 2003

Il Principe di Danimarca si regala un sito personale: istruzioni su come diventare re

di

Molti, da quando c’è Internet, si sono costruiti il proprio sito di presentazione. Con il fenomeno “weblog”, poi, molti affidano i loro pensieri, le loro emozioni, il loro giornale personale alla rete. Ma quando si è di stirpe reale, allora, le cose cambiano e i contenuti vanno soppesati.

Come ha fatto Federico, il principe ereditario di Danimarca che ha celebrato il suo 35° compleanno aprendo il proprio sito Internet.

Il sito contiene molte informazioni sulle sue origini storiche, sulla sua educazione e altre informazioni di contorno, ad eccezione di quelle strettamente private.
E in un’intervista realizzata per l’occasione, il principe si prepara al trono enunciando i suoi doveri, i suoi obblighi e le sue aspettative come futuro re, oltre a spiegare come vede i suoi compatrioti.

“È essenziale, per me come per la corte reale come istituzione, seguire la nostra epoca – spiega il principe – Dobbiamo sentire le tendenze, le atmosfere e le attitudini che impregnano e circolano nella società”.

“Spero di essere motivato, di ascoltare e di comunicare i miei messaggi in modo giusto – continua l’erede al trono di Danimarca, sottolineando che la sua “ambizione è di essere un dirigente ispirato”.

Il principe, però, non fa parola sulla sua relazione con un’australiana senza sangue blu e che molto ha fatto discutere i suoi sudditi. Fa parte della vita privata e non può riguardare il sito Internet.

Chissà che un giorno un poeta, non decida di mettere in scena una commedia tratta dal suo sito. Allora vedremmo il Principe fissare il monitor e declamare: “Essere o non essere…”

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.