FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Il podcast entra in classe

14 Marzo 2006

Il podcast entra in classe

di

L'autore di "Podcasting che funziona" ci porta alla scoperta di un'applicazione molto promettente della webradio tascabile. Scuole, università, conservatori sperimentano

Il 20 aprile 2005 il podcasting italiano, all´epoca ancora acerbo e poco abituato a eventi culturali di un certo spessore, subiva un vero e proprio scossone. Dalle pagine di Zubar faceva capolino il primo tentativo di portare l´insegnamento oltre le mura di un aula. Un seminario sulla musica di Duke Ellington ne forniva l´occasione. Mentre un piccolo gruppo di studenti del Conservatorio di Fermo, nelle Marche, assisteva alle lezioni tenute dal professor Stefano Zenni, gli autori di Zubar seguivano – microfono alla mano – ogni mossa del noto musicologo e ne registravano ogni minima espressione. Di lì a poco, grazie al podcasting, quelle lezioni avrebbero fatto il giro del mondo e avrebbero suscitato l´interesse di migliaia di ascoltatori.

Pochi mesi dopo, un altro esperimento. A Scuola di Piano distribuiva in podcasting le lezioni di pianoforte tenute dalla celebre musicista Angela Hewitt presso l´aula Verdi del Conservatorio di Milano. Alcune migliaia di download confermavano la bontà dell´iniziativa e mettevano ancor più in luce le enormi potenzialità del binomio podcasting-didattica.

Binomio che trova modo di realizzarsi e di esprimersi non solo in ambito musicale ma anche in molti altri settori, come per esempio quello dell´insegnamento delle lingue. Come accade nel caso di English Through Stories. «State cercando un modo semplice e divertente per migliorare il vostro Inglese?», si legge in home page, «Vi piacerebbe parlare inglese più scorrevolmente? Vorreste incrementare la vostra capacità di comprensione? Siete capitati nel posto giusto! Con i podcast di English Through Stories migliorerete il vostro inglese grazie all´ascolto di una divertente storia alla settimana. Niente più libri di testo!».

Vere e proprio lezioni di inglese, dunque, realizzate in podcasting. Sottoscrivi il feed, le scarichi in automatico e te le ascolti quando e dove vuoi. Sì, perché ascoltare è molto più facile di leggere. Puoi farlo ovunque: seduto in metropolitana, a passeggio nella quiete del bosco, lungo le frenetiche vie del centro, durante le faccende domestiche. Indossi le cuffie del tuo lettore portatile e trasformi i tempi morti in opportunità di apprendimento e di crescita. Il segreto di un simile successo è da ricercare proprio lì, nella capacità di liberare l´informazione e di renderla itinerante, trasportabile, sempre a portata di mano. Un concetto rivoluzionario che sta affascinando sempre più utenti e che sta trovando molte, variegate applicazioni. Su tutte, come si diceva, quella dell´insegnamento, della didattica.

Non è un caso se Apple, dopo il clamoroso successo di iTunes ha pensato di mettere a punto iTunes U, una piattaforma di distribuzione appositamente ideata per docenti e studenti che desiderino condividere i loro file Mp3. Grazie a questa nuova piattaforma, in cinque diverse università statunitensi gli insegnanti possono già pubblicare lezioni, conferenze e dimostrazioni, rendendole disponibili a chiunque desideri ascoltarle.

Il fenomeno sta attecchendo anche in Italia. Il professor Alberto Pian, docente all´Istituto Bodoni Paravia di Torino, produce insieme ai suoi studenti Didanetx & Radio Tony, un podcast con contenuti audio e video di italiano e storia sotto forma di discussione radiofonica, di lezioni in aula e di materiale didattico. Il Centro Risorse Territoriale Ragazzi del Fiume, coordinato dall´insegnante Antonella Brugnoli, pubblica il podcast Ragazzi del Fiume, un´iniziativa volta a favorire la preservazione delle lingue minoritarie e comunitarie e a diffonderne la conoscenzatra i bambini. Il Liceo Scientifico Enrico Fermi di Ragusa, ha iniziato a sperimentare il podcasting per produrre, grazie alla collaborazione di alcuni docenti e studenti, trasmissioni dedicate alla vita del liceo ma anche a news di portata nazionale e internazionale. Un binomio, podcasting-didattica, che sta dunque ritagliandosi sempre più spazio e che, c´è da crederlo, troverà impieghi sempre maggiori e finalità sempre nuove.

Non è facile prevedere dove si arriverà ma gli scenari ipotizzabili sono molti. Si pensi all´insegnante che potrà ricevere in podcasting trasmissioni che lo aiutino ad approfondire la conoscenza della sua materia e ad aggiornarsi, a studenti che potranno accedere a registrazioni di lezioni che non potrebbero altrimenti seguire, a istituti superiori o universitari che potranno garantirsi visibilità mettendo online le lezioni dei loro migliori docenti sperando in un ritorno d´immagine e quindi di iscrizioni. Si pensi, inoltre, alla possibilità di distribuire via Internet i contenuti di seminari e convegni. Quanti eventi didattici meriterebbero maggiore attenzione di quanta riescano a suscitarne? Quanti seminari, quanti corsi d´aggiornamento, quante iniziative di natura culturale sarebbero degne di un uditorio più vasto di quanto ne abbiano normalmente? Il podcasting potrà garantire loro la visibilità che meritano.

Gli autori di Zubar e di Da Capo al Fine lo hanno già sperimentato di persona. Era il giugno del 2005 e Firenze ospitava una serie di convegni e di concerti sulla musica classica americana. Ancora una volta, primi in Italia, i loro microfoni acquisivano tutto. Nelle settimane successive all´evento, quelle registrazioni, altrimenti destinate rimanere tra le quattro mura dell´aula, avrebbero ricevuto migliaia di richieste di download.

La strada è dunque tracciata: podcasting e insegnamento, podcasting e didattica, podcasting e cultura funzionano. Gli strumenti ci sono, gli spazi anche. Occorrerà saperli utilizzare e saperli colmare. I primi esperimenti stanno dando esiti oltremodo positivi. Siamo solo agli inizi di quella che si profila come una sfida elettrizzante e che consentirà a molti di accedere a informazioni che sino a ieri sembravano riservate a pochi. Merito del podcasting ma anche e soprattutto di chi lo utilizzerà per insegnare e per diffondere conoscenza.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.