Home
Il pedo-business europeo che non ti aspetti

05 Febbraio 2008

Il pedo-business europeo che non ti aspetti

di

Telefono Arcobaleno conferma che il 61% degli utenti pedofili è europeo

Telefono Arcobaleno ha recentemente pubblicato un’indagine che fa il punto sulla pedopornografia online internazionale. Ebbene, secondo l’analisi dei dati riguardanti il periodo 2003/2007, il 61% dei clienti e dei consumatori della pedofilia online sarebbe europeo. La classifica del Vecchio Continente vede in testa la Germania (14,57%), seguita da Inghilterra (7,02%) e Italia (6,14%). Nel mondo poi si distinguono Stati Uniti e Russia, rispettivamente con il 22,82% e l’8,39%.

Sorprendenti anche i dati riguardanti lo sfruttamento e la posizione dei server illegali. Il 92% dei bambini sfruttati risulta europeo; l’86 % dei materiali pedopornografici rilevati in rete e il 52% dei siti sono allocati in territorio europeo.

«Un altro dato preoccupante e al quale dovrebbe essere riservata la massima attenzione è che l’Italia, pur non ospitando più dal 2003 siti contenenti materiali pedopornografici, risulta essere tra i Paesi maggiormente coinvolti sul fronte della domanda di materiali illegali e quindi della fruizione e dell’acquisto degli stessi», ha commentato Giovanni Arena, Presidente dell’associazione italiana. «Nota positiva è che Telefono Arcobaleno, nell’anno appena passato, ha ottenuto, con la Sua attività di contrasto, una percentuale di chiusura dei siti segnalati del 99,01%, abbattendo la percentuale di siti pedofili resistenti o critici dal 3,8% del 2003 allo 0,99% del 2007».

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.