Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Il Nuovo: UMTS? Una bufala epica

01 Giugno 2001

Il Nuovo: UMTS? Una bufala epica

di

Il quotidiano Il Nuovo ha pubblicato ieri un articolo che, dato l'interesse dell'argomento, riportiamo interamente qui sotto.

L’Umts? Una bufala epica

Questo il risultato di un’inchiesta condotta dal settimanale americano Newsweek che mette in luce i problemi legati al lancio dei cellulari di terza generazione.

MILANO, 24 Maggio 2001 – Quello che solo l’anno scorso era stato definito the big thing, ora si potrebbe rivelare il più clamoroso flop del nuovo millennio. Stiamo parlando dell’Umts, dei cellulari di terza generazione che hanno dissanguato le casse di tutti gli operatori di telefonia mobile europea.
Secondo quanto riportato dall’inchiesta pubblicata dal settimanale statunitense Newsweek, che dedica la copertina a quella che definisce una debacle epica, i telefonini di terza generazione non sono altro che l’ennesima bolla internet, quelle che anche il guru della new economy Steve Harmon, aveva definito “bubble stocks”.
Vittime di quello che il settimanale ribattezza “3G Mania” sono sia le grandi compagnie telefoniche che i produttori di cellulari stessi che, in perfetta sintonia, come riporta il magazine, hanno deciso “di costruire un canale di comunicazione che, ed è ancora da verificare, potesse avere un impatto sullo sviluppo mondiale, paragonabile alla costruzione di autostrade e ferrovie”.
I risultati di quella che si potrebbe definire a pieno titolo una sconfitta sono sotto gli occhi di tutti: British Telecom soccombe sotto i debiti contratti e si è vista costretta a scorporare le attività di telefonia mobile dal fisso, provocando anche le dimissioni dei vertici del management.
Ma la crisi dell’Umts non è dietro la porta: è già arrivata e il colosso inglese deve cercare di risolverla in fretta dopo l’annuncio, della scorsa settimana, del ritardo dei primi test sull’Umts sull’Isola di Man.
Così, gli stessi esperti che sino al giorno prima vedevano solo i fatti positivi del lancio del nuovo sistema che consente la trasmissione di musica, file e accesso internet, sistemi che avrebbero pagati tutti i clienti, ora invece prevedono un costo, anche elevato dei servizi di trasmissione. Ed è proprio il costo dei servizi, sommato al costo per la creazione delle infrastrutture, ad aver contribuito al ritardo del lancio dei cellulari di terza generazione.
E quali sono i Paesi che potrebbero godere nell’immediato della debacle europea? Proprio il Giappone, patria del cellulare 2,5 G, conosciuto anche come i-mode, e gli Stati Uniti, notoriamente in ritardo con l’avvento della telefonia mobile

L'autore

  • Redazione Apogeonline
    Nella cura dei contenuti di questo sito si sono avvicendate negli anni tantissime persone: Redazione di Apogeonline è il nome collettivo di tutti noi.
    Non pensare che abbiamo scelto questa formula per non rendere merito o prendere le distanze da chi ha scritto qualcosa! Piuttosto in alcuni casi l'abbiamo utilizzata nella convinzione che non aggiungesse valore al testo sapere a chi appartenesse la penna – anzi la tastiera – di chi l'ha prodotto.

    Per contattarci usa il modulo di contatto che trovi qui.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.