Home
Il lato oscuro dei voli low cost

01 Luglio 2008

Il lato oscuro dei voli low cost

di

Quel che si dice in Rete. Ryan Air, tra gaffe, problemi e clienti insoddisfatti, sta cambiando. Per molti non in meglio. Come si può volare risparmiando? Ce lo dice l'ennesimo servizio web. Friendfeed è il servizio del momento, ma c'è già chi lo sta migliorando

Un tempo Ryan Air era sinonimo di voli economici. Oggi sembra che le cose stiano almeno un po’ cambiando. Massimo Mantellini commenta una recente gaffe di Michael O’Leary, CEO dell’azienda. Una gaffe che però potrebbe nascondere qualcosa di diverso. Minimarketing intanto pubblica una lettera aperta allo stesso O’Leary, nella quale spiega perché la compagnia aerea stia perdendo molta credibilità proprio presso quei clienti che ne hanno fatto la fortuna. Roberta Milano commenta il post analizzando i possibili ragionamenti, in termini di marketing, della compagnia irlandese, ma arriva a una sola conclusione: Ryan Air sta buttando via preziose risorse nel vano tentativo di puntare tutto sulla quantità. Nel frattempo Haramlik progetta le vacanze e consiglia un buon sistema per scegliere il volo più conveniente.

Gli altri temi del giorno

Friendfeed sta riscuotendo parecchio successo in Rete, ma manca ancora di qualche funzione. CodingExperiments analizza Noiseriver, che, attraverso un sapiente uso delle API, amplia il servizio.

Google ha da poco inaugurato la nuova versione di iGoogle, la sua start page. Come sempre il servizio è riservato a un ristretto numero di utenti. Daniele Semeraro spiega quali saranno le novità che ci aspettano.

Spesso capita di avere un computer che non funziona più come dovrebbe e di non sapere dove mettere le mani per sistemarlo. Ziokendo analizza un tool che potrebbe essere utile ad evitare la formattazione.

Un passo avanti nella strada per portare Linux sui telefoni mobili arriva dalla fusione di due delle maggiori realtà che stanno lavorando nel campo Linux mobile. Pietro Saccomani commenta la notizia.

Le storie della famiglia dei paperi hanno affascinato milioni di ragazzini. Pietro Izzo racconta dei suoi disegnatori preferiti e di un’opera che non si può perdere.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.