Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Il Giappone sogna robot tuttofare

22 Luglio 2005

Il Giappone sogna robot tuttofare

di

I ricercatori e le imprese giapponesi studiano robot domestici capaci di aiutare una popolazione che invecchia, con sempre maggiori problemi legati al fenomeno

Yoshiyuki Sankai ricercatore all’università di Tsukuba, ha sviluppato un costume-robot per facilitare gli spostamenti delle persone deboli muscolarmente, o aiutare il personale sanitario a muoverle. Questo costume high-tech assomiglia a un’armatura bianca che si attacca al livello delle braccia, delle gambe e della schiena, ed è dotata di un computer, di motori e di sensori che individuano i segnali elettrici emessi dai nervi e trasmessi dal cervello quando qualcuno prova a fare un movimento.

Quando i sensori individuano un influsso nervoso, il computer mette in marcia i motori relativi, così questo costume, Hybrid Assistive Limb (HAL) 5, permette a una persona le cui gambe possono difficilmente sopportare gli 80 kg di peso, di sostenere 180 kg.

“Lo scopo è di sviluppare o rafforzare le capacità fisiche degli umani”, spiega Sankai, che ha creato una società per vendere il costume-robot e prevede di affittare quest’anno in Giappone HAL-5 alle persone anziane e minorate.

Attualmente, la maggior parte dei robot è utilizzata in fabbriche, ma molti ricercatori giapponesi sviluppano aiuti meccanici per la casa, l’ufficio, gli ospedali e altri centri di cure.

Alla fine del 2003, il Giappone vantava già quasi il 44% degli 801.000 robot industriali utilizzati nel mondo. Yaskawa Electric, uno dei grandi fabbricanti di robot industriali, vende dal 2000 un robot di riabilitazione, per aiutare le persone anziane o fisicamente minorate. Questo robot, sistemato accanto al letto, aiuta il paziente a rimettersi da un incidente o da un’operazione ortopedica aiutandolo, ad esempio, a muovere le gambe con il suo braccio meccanico.

La domanda di questi robot resta tuttavia limitata, soprattutto a causa del costo. Solo la produzione su vasta scala potrebbe, in futuro, rendere queste tecnologie accessibili a tutti.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.