Home
Il dipartimento del Commercio conferma: aumenta il commercio online e supera in percentuale quello tradizionale

27 Maggio 2003

Il dipartimento del Commercio conferma: aumenta il commercio online e supera in percentuale quello tradizionale

di

Un’altra, autorevole, conferma che il settore dell’e-commerce è vivo e vegeto: il dipartimento americano del Commercio ha annunciato che le vendite al dettaglio su Internet sono salite del 25,9 % negli Stati Uniti nel primo trimestre dell’anno, rispetto allo stesso periodo del 2002.

Un aumento che porta il fatturato complessivo a 11,9 miliardi di dollari.

Non solo. La progressione delle vendite online ha superato nettamente quello dell’insieme del settore del commercio al dettaglio, le cui vendite sono aumentate solo del 4,4 % arrivando a una cifra complessiva di 772,2 miliardi di dollari nel primo trimestre 2003.

Questa cifra così positiva, ricorda il dipartimento del Commercio nel suo rapporto trimestrale, ha da sempre rappresentato appena 1,5 % delle vendite totali al dettaglio nel primo trimestre.
A trascinare le vendite negli Stati Uniti, dunque, è l’e-commerce. Bisogna dire, anche, che lo studio condotto dal dipartimento governativo, differisce dalla maggior parte di quelli realizzati da istituti privati, perché non contabilizza alcune categorie di vendita, come la prenotazione dei viaggi, i biglietti per spettacoli o le vendite all’asta.

Secondo Forrester e la National Retail Federation (NRF), il fatturato del commercio al dettaglio online dovrebbe superare i 100 miliardi di dollari nel 2003 negli Stati Uniti, con un totale di 24 miliardi di dollari nel primo trimestre di quest’anno che, in rapporto a tutto l’anno, vuol dire un aumento del 26 % rispetto al 2002.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.