ULTIMI 3 POSTI

Corso LANGUAGE DESIGN: PROGETTARE CON LE PAROLE | Milano 28 ottobre

Iscriviti ora
Home
Il digital divide nell’agenda dei G8

31 Maggio 2000

Il digital divide nell’agenda dei G8

di

Il "digital divide" nell'agenda dei paesi ricchi al Summit dei G8 di luglio a Okinawa in Giappone

Al Summit G8 che si terrà in luglio in Giappone si parlerà anche del “digital divide”. Il World Economic Forum prepara le sue raccomandazioni stilate da un gruppo di esperti.

Il World Economic Forum (WEF), che organizza ogni anno i seminari di Davos in Svizzera, darà il 19 luglio al primo ministro giapponese le raccomandazioni elaborate dal settore privato per lottare contro l’ineguaglianza digitale, il “digital divide”, un tema che figurerà in buona posizione sull’agenda del Summit dei G8 a Okinawa.

Tra i membri del Wef figurano ben 13 aziende italiane, tra le quali spiccano l’Enel, l’Eni, la Ferrero, la Fiat, l’Invicta, l’Italcementi, la Merloni, la Pirelli e la Telecom.

Alla richiesta del vecchio primo ministro giapponese Keizo Obuchi, che avrebbe dovuto presiedere la riunione annuale dei sette paesi più industrializzati e della Russia dal 21 al 23 luglio, il Forum ha fatto lavorare dall’inizio dell’anno un gruppo di lavoro su la “conferenza dei governi sulle tecnologie dell’informazione”.

Questa tavola rotonda specialistica, che si riunisce in margine ai lavori del Forum di Davos, riunisce i responsabili delle principali imprese mondiali del settore delle tecnologie dell’informazione.

Le raccomandazioni del gruppo di lavoro saranno, adesso, consegnate alla vigilia del Summit dei G8 al successore di Keizo Obuchi, morto il 14 maggio a seguito di un’embolia cerebrale, dal presidente del WEF, Klaus Schwab, che potrebbe essere accompagnato da alcuni dei più grandi nomi della “new economy”.

Parallelamente, la Tokyo Foundation, un istituto di ricerca privato, organizzerà nello stesso giorno una conferenza sulle tecnologie dell’informazione, dove sono attesi grossi personaggi come John Chambers di Sun Microsystem, Jeff Bezos di Amazon e Gerry Yang, il fondatore di Yahoo! e i responsabili di imprese di diversi paesi asiatici.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.