Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Il crollo delle dotcom non significa che gli utenti non comprano online

09 Febbraio 2001

Il crollo delle dotcom non significa che gli utenti non comprano online

di

Sono tanti i siti di e-commerce che hanno chiuso in questi mesi, costruendo il fenomeno che è stato definito dotcom crash, ma ciò non deve far pensare, per ora, a un fallimento dell'e-commerce come modello di vendita.

Anche i siti che hanno chiuso, potevano contare su un giro di affari consistente, le cifre annuali sulle vendite on line sono molto elevate e in continua crescita, i giganti del commercio elettronico hanno fatturati di centinaia di miliardi. Gli utenti acquistano via Internet e sempre di più, ma non ancora abbastanza per ripagare gli investimenti imprenditoriali.

Per questo alcune aziende sono fallite: hanno comunque speso troppo rispetto alle entrate e sono state danneggiate dai crolli in borsa indotti da una situazione di instabilità e incertezza.

Un recente rapporto di Ernst & Young sottolinea dati abbastanza noti sul numero di utenti-shoppers della Rete e sulla loro continua crescita.

L’indagine ha coperto 12 paesi (Australia, Brasile, Canada, Francia, Germania, Israele, Olanda, Sud Africa, Spagna, Svizzera, Inghilterra e USA). Due terzi degli intervistati ha dichiarato di aver comprato on line qualche cosa durante l’anno appena concluso (il 75% in Germania e in Inghilterra e il 74% in USA).

I settori più gettonati sono: abbigliamento, prodotti per la salute e cosmetici, articoli sportivi, fiori e giocattoli.

Gli uomini, conferma anche l’indagine di Ernst & Young, non sono più i protagonisti assoluti del Web, almeno per quanto riguarda lo shopping on line in USA: il 60% sono donne.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.