RISPARMIA IL 15% SU TUTTI I CORSI

Fino al 31 agosto con il codice sconto CORSARO

Scegli il tuo corso e iscriviti!
Home
Il corpo delle donne tra web e tv

24 Aprile 2009

Il corpo delle donne tra web e tv

di

Venti minuti in podcast tra ritagli di carta e bit, in compagnia di un ospite. Oggi con Lorella Zanardo, imprenditrice che si occupa di tematiche al femminile - dentro e fuori la Rete. Con lei parliamo anche dell'immagine delle donne sui media: dalla televisione al web, in un cortocircuito spesso vizioso

Dopo la politica e il web delle scorse settimane (e dopo una intromissione nel campo della comunicazione culturale) questa puntata di Quinta di Copertina si occupa delle tematiche al femminile: dentro, fuori e attraverso la Rete. Dalle nuove tecnologie connettive come tecnologie eminentemente femminili, all’immagine delle donne sui media tradizionali (e il seguente riverbero su alcuni luoghi di internet): ne parliamo con una imprenditrice che da tempo si occupa di tematiche al femminile, Lorella Zanardo, che è coautore del documentario “Il corpo delle donne“, diffuso su Internet anche nei suoi momenti di monitoraggio e preparazione, che ha partecipato al festival del documentario sociale “Italiani brava gente”.

Dice Lorella sull’uso/abuso del corpo femminile tra i media vecchi e nuovi: «C’è una sorta di cortocircuito tra televisione e Rete, proprio sulla tematica del corpo delle donne. Tutto quello che passa in televisione giornalmente e che riguarda le donne lo ritroviamo quasi immediatamente su You Tube tagliato con modalità quasi da entomologo – cioè vengono sezionate le parti di trasmissioni che riguardano belle ragazze: e ci sono quindi centinaia e centinaia di minuti dove vengono riproposti in modo ossessivo, per esempio, parti del corpo della tale soubrette o presentatrice. Non è colpa di un media piuttosto che di un altro, della televisione o del web: citando una considerazione di Marina Terragni “sembra quasi che la carne non basti più”. Sembra quasi, insomma, che il corpo reale non basti più e sia necessario sempre più cibarsi di immagini». Ma questo lato voyeuristico non è il solo né il predominante quanto alle tematiche al femminile, che invece consente la costruzione di reti e l’attivazione di contatti e scambi: «Ovviamente prevalgono gli aspetti positivi di Internet: nel nostro caso la capacità di costruire reti al femminile. Grazie alle possibilità connettive del web, è stato possibile organizzare convegni e incontri in cui parlare e confrontarsi di tematiche al femminile, coinvolgendo persone da tutto il mondo – e continuando a confrontarsi anche durante tutto l’anno, attraverso il sito, le mail, skype ecc».

Articoli segnalati e risorse:

L'autore

  • Antonio Sofi
    Antonio Sofi è autore televisivo e giornalista. Consulente politico e sociologo della comunicazione, ha un blog dal 2003 ed è esperto di social network e nuovi media.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.