FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Il Connecticut rinuncia a firmare l’accordo amichevole con Microsoft

29 Novembre 2001

Il Connecticut rinuncia a firmare l’accordo amichevole con Microsoft

di

Nuova puntata e nuovo colpo di scena nella querelle che da anni sta occupando Microsoft sui banchi dei tribunali per le sue pratiche antitrust.
Lo stato del Connecticut ha rinunciato a firmare l’accordo amichevole condiviso da Microsoft, il governo americano e altri nove dei 18 stati che all’inizio avevano trascinato in tribunale l’azienda. Si va in tribunale.

La scure è stata calata dal ministro della giustizia dello Stato che, in un comunicato, ha dichiarato che “questo accordo ha semplicemente troppe lacune e ambiguità” per contenere efficacemente Microsoft dopo le sue multiple violazioni della legge.

“Il nostro obiettivo è sempre stato di assicurarci che l’attitudine monopolistica di Microsoft non si riproduca più – ha continuato il ministro – e che la concorrenza sia ristabilita, perché i consumatori beneficino di maggior innovazione, di prezzi migliori e di una migliore qualità”.

Tuttavia ha lasciato uno spiraglio per future discussioni con Microsoft, a patto che l’azienda accetti di “migliorare il regolamento amichevole”.
Su una cosa però è stato chiaro: nel caso in cui l’azienda non accetti miglioramenti dell’accordo, si andrà di fronte al tribunale perché sia ristabilita una volta per tutte la concorrenza.

Il giudice federale Colleen Kollar-Kotelly non ha ancora dato il suo avallo all’accordo amichevole. Se il processo proseguirà con la presenza di alcuni Stati, potrebbe decidere di sanzionare ulteriormente Microsoft.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.