Home
Il cavaliere della Rete

25 Gennaio 2001

Il cavaliere della Rete

di

Un nuovo “soldato” si aggira nella Rete e miete, silenzioso, le sue vittime tra i suoi nemici: tutti siti militari e governativi. Questo cavaliere, ha un nome che ricorda Re Artù e la Tavola Rotonda: Pentaguard.

Le sue ultime vittime le ha inanellate il 20 gennaio. Ventisei siti tra militari e governativi di tre paesi (Stati Uniti, Gran Bretagna e Australia) sono stati “soppressi” per un quarto d’ora.

Alcune sue tracce sono state scoperte dal sito attrition.org, che recensisce tutti gli attacchi a carattere informatico.

Pentaguard, in realtà, è un gruppo di hacker e non un “lupo solitario”.
L’attacco compiuto dal gruppo non è dei più importanti mai registrati, ma ha una particolarità: l’intrusione in tre paesi diversi, nello stesso momento.

Come ogni cavaliere senza macchia e, soprattutto, senza paura ha lasciato un segno, una frase che lascia capire le intenzioni: “Questi siti sono inutili, perché non hanno alcun contenuto di tipo musicale o pornografico e non si può neanche comprare alcolici”.

Musica, porno e whisky sono più utili dei militari, dunque.
Anche Robin Hood, forse oggi, la penserebbe così.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.