Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
I provider sono tenuti a rivelare ai giudici i nomi degli autori di messaggi diffamatori anonimi? Il caso statunitense

21 Marzo 2001

I provider sono tenuti a rivelare ai giudici i nomi degli autori di messaggi diffamatori anonimi? Il caso statunitense

di

America On Line ha chiesto alla corte d'appello di Pittsburgh, in Pensilvania, che venga impedito ai giudici di avanzare richieste, nei suoi confronti, per ottenere i nominativi degli utenti autori di messaggi anonimi on line, ritenuti diffamatori.

Il fornitore d’accesso americano AOL riceve continue richieste da parte dei giudici americani che gli impongono di comunicare l’identità degli internauti che utilizzano i suoi servizi, ogni volta che su un sito viene pubblicato un testo ritenuto diffamatorio, offensivo o, comunque, illegittimo.

Nei giorni scorsi negli Stati Uniti, proprio in relazione a questo problema, si sono riuniti, attorno ad AOL, due dei maggiori garanti della libertà d’espressione: l’American Civil Liberties Union (ACLU), associazione per la difesa dei diritti dell’uomo, e l’Electronic Frontier Foundation (EFF), organismo di vigilanza sull’esercizio delle libertà sulla Rete.

La società, era stata coinvolta in un processo per diffamazione, intentato da un magistrato contro l’autore di un messaggio, firmato con uno pseudonimo, nel quale si lasciava intendere che il giudice aveva usato la propria influenza in occasione di alcune designazioni politiche.

Nel mese di novembre 2000, al termine di un primo giudizio svoltosi di fronte a un tribunale locale, il ricorso era stato respinto, sulla base della considerazione che “gli internauti anomini, a differenza dei media nazionali, sono vulnerabili, perché non dispongono di potere o di denaro. Senza l’anonimato, sarebbero meno inclini a esprimere delle opinioni controverse per paura di una rappresaglia”.

La decisione era stata accolta dall’ACLU, che era parte nel processo, come l’affermazione della prima forma di protezione mai stabilita nei confronti delle critiche on line ai personaggi pubblici.

Tuttavia, il numero delle cause intentate contro gli internauti anonimi è aumentato e la società americana continua a essere oggetto di citazioni – che comportano per l’azienda costi elevati, legati al tempo e alle spese necessarie per sostenere la propria difesa – con le quali i giudici le impongono di rivelarne i nominativi. L’anno scorso, AOL ha dovuto sostenere 475 richieste; il 40% in più che nel 1999.

AOL, il 5 marzo scorso, si è, pertanto, rivolta alla Corte d’Appello di Pittsburgh, in Pensilvania, per far valere il principio secondo cui questo “fastidio giuridico” è contrario alla libertà di espressione, garantita dal primo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.