Home
I cinesi dichiarano il cessate il fuoco nella guerra informatica contro gli Usa

14 Maggio 2001

I cinesi dichiarano il cessate il fuoco nella guerra informatica contro gli Usa

di

I pirati informatici cinesi hanno proclamato un “cessate il fuoco” nella guerra elettronica dichiarata contro il loro avversari americani, come riporta un’agenzia della AFP, invitando i siti cinesi a migliorare la loro sicurezza.

Insomma, un attacco che non ha previsto la massiccia controffensiva americana, riconosciuta a posteriori anche dal sito Chinabyte.com, che parla di 1.100 siti cinesi attaccati a diversi livelli. Di questi, ben il 72 % appartenevano al governo o al sistema formativo.

Secondo il gruppo Hongker Union, messo in piedi per coordinare l’ultimo assalto, i pirati cinesi hanno attaccato più di un migliaio di siti americani tra il 1 e il 9 maggio, data di annuncio del “cessate il fuoco”.

Il gruppo, poi, ha invitato gli informatici cinesi a sviluppare misure di sicurezza e a dipendere di meno da software americani per ridurre la loro vulnerabilità.

La guerra informatica era stata lanciata dai cinesi dopo la crisi sopraggiunta a causa della aereo spia americano che aveva provocato la scomparsa di un pilota dall’aviazione militare cinese.

A farne le spese, di una guerra combattuta su Internet, è stato anche il sito della Casa Bianca che i pirati cinesi hanno sabotato attraverso un’operazione di mail bombing.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.