Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti al corso sui Big Data
Home
Hollywood citata in giudizio per l’illegittima chiusura di un sito Internet

01 Luglio 2002

Hollywood citata in giudizio per l’illegittima chiusura di un sito Internet

di

La MPAA, l'associazione che tutela gli interessi di Hollywood, è accusata di interferenza nelle relazioni contrattuali ed economiche, calunnia e diffamazione, per aver fatto chiudere ingiustamente un sito che offre agli utenti film di cassetta a pagamento

Il signor Michael Rossi, cittadino americano, residente alle Hawai, ha recentemente querelato la MPAA, la più grande associazione che tutela gli interessi dell’industria hollywoodiana, accusandola del reato di interferenza nelle relazioni contrattuali ed economiche, calunnia e diffamazione.

La MPAA, infatti, nell’aprile del 2001, ha ingiustamente – e senza attendere la decisone di un giudice – fatto chiudere il sito di proprietà del Sig. Rossi, gestito dalla società InternetMovies.com, ritenendo che offrisse illegalmente agli internauti la possibilità di scaricare gratuitamente film anche molto recenti.

Il sito della InternetMovies.com, offre, invece, un sistema di acquisto online dei film, che vengono scaricati a pagamento e in modo perfettamente legale, nonché la possibilità di accedere, attraverso dei link, agli spezzoni pubblicitari degli ultimi lungometraggi distribuiti.

La chiusura del sito da parte della MPAA sarebbe dovuta, secondo la ricostruzione più attendibile, non solo ad un errore, ma a una grave mancanza di diligenza.

Il colosso di Hollywood, infatti, utilizza un sistema di ricerca automatizzata, Ranger – sviluppato dalla Ranger Online – che provvede a cercare e a indicizzare, in base ad opportuni criteri di ricerca, tutte le pagine Web che contengono un riferimento ai titoli di un centinaio di film, soprattutto i più recenti, con l’obiettivo di individuare operazioni di pirateria.

Normalmente il sistema Ranger dovrebbe essere in grado di verificare se il sito in questione diffonda i film in maniera legale o meno.

Nel caso di specie, invece, la MPAA ha deciso di procedere contro la InternetMovies.com, senza aver preventivamente accertato che i risultato forniti da Ranger fossero corretti.

L'autore

  • Annarita Gili
    Annarita Gili è avvocato civilista. Dal 1995 si dedica allo studio e all’attività professionale relativamente a tutti i settori del Diritto Civile, tra cui il Diritto dell’Informatica, di Internet e delle Nuove tecnologie.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.