ULTIMI 4 POSTI

Corso | LANGUAGE DESIGN: PROGETTARE CON LE PAROLE | Milano 28 ottobre

Iscriviti ora
Home
Hollywood all’attacco dei videoregistratori digitali

21 Febbraio 2002

Hollywood all’attacco dei videoregistratori digitali

di

Hollywood, o meglio, l’industria cinematografica e televisiva scende di nuovo in guerra. Questa volta il nemico è rappresentato dai fabbricanti e commercianti di decoder video per uso domestico.

Questi recettori video non sono altro che i successori digitali dei videoregistratori classici che abbiamo in casa.
Permettono di registrare in ogni momento e facilmente programmi televisivi e di visionarli in seguito saltando i passaggi inutili (come la pubblicità che interrompe i film o un avvenimento sportivo).

In una pagina pubblicitaria di un sito che vende questo tipo di apparecchi, viene spiegato il possibile uso.
“Con il dispositivo di auto-registrazione – spiegano – il telespettatore ha la possibilità di fare una pausa in tempo reale durante ogni tipo di trasmissione che sta guardando. Una volta premuto il tasto pausa (il programma) è automaticamente registrato in una memoria tampone. Al suo ritorno, il telespettatore non ha che da riprendere la trasmissione a partire dal punto di interruzione, o optare per riprendere la trasmissione in tempo reale”.

Un apparecchio come questo ha infatti la possibilità di registrare all’interno di un disco rigido da 40 Gb fino a 30 ore di contenuto.

Insomma, una libertà data al consumatore che preoccupa non poco l’industria cinematografica e televisiva.
Dunque, sono state intentate quattro cause contro Sonicblue, che fabbrica il ReplayTV dalle grandi reti televisive e da sette studios di Hollywood.

Nella richiesta le società contestano che le funzionalità di questi apparecchi incitano i consumatori a costruirsi, attraverso le registrazioni, una propria videoteca senza dover acquistare cassette video, DVD e senza pagare i diritti d’autore.

Una spiegazione un po’ deboluccia. Infatti, Sonicblue contrattacca portando a propria difesa i 20 anni di uso dei videoregistratori classici che già permettono di registrare filmati.
Gli studios, infatti, non hanno mai perseguito legalmente i telespettatori che hanno fatto collezione delle puntate di fiction, cartoni e dei film trasmessi in questi anni.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.