Home
Guerra aperta in Spagna tra i piccoli provider e i giganti telecom

26 Luglio 1999

Guerra aperta in Spagna tra i piccoli provider e i giganti telecom

di

Sull’onda del trend che va affermandosi un po’ in tutta Europa (ma che in USA non attacca, dice con estrema sicurezza AOL), da giugno sono attivi anche in Spagna i primi provider gratuiti. A lanciarli sono i giganti della telefonia nazionale, Telefónica e Retevision, oltre a British Telecom, che si spartiscono la stragrande maggioranza dei tre milioni di utenti. Una pratica che ha fatto infuriare i piccoli provider locali.

Nel suo secondo incontro generale, la Asociación de Internautas ha accusato le grandi compagnie telecom di “concorrenza sleale” e di voler in tal modo attentare alla loro stessa esistenza, per puntare comunque alla realizzazione di una comune strategia per la “sopravvivenza”. È stata anche redatta e inviata una petizione alla Commissione parlamentare per le telecomunicazioni affinché avvii indagini sulla reale “gratuità” dei servizi offerti.

In pratica si è prodotta una oligopoli nel settore dei provider, spiega Victor Domingo Prieto, presidente della Asociación de Internautas. “Le grandi aziende offrono connettività a costo zero controllando al contempo tecnologia e qualità del servizio; peggiori sono questi ultimi, maggiori i guadagni, poiché l’utente è costretto a stare online più a lungo, facendo così lievitare i costi della bolletta telefonica”.

Pur non riuscendo per il momento a dar vita a un network alternativo in grado di competere efficacemente con i grossi nomi di cui sopra, la maggior parte degli attuali 960 provider registrati in Spagna ha approvato la creazione di una sorta di Authority centrale e indipendente in grado di tutelare i comuni interessi economici. Un’idea che sembra avere il consenso dell’unione Europea e delle autorità spagnole.

L'autore

  • Bernardo Parrella
    Bernardo Parrella è un giornalista freelance, traduttore e attivista su temi legati a media e culture digitali. Collabora dagli Stati Uniti con varie testate, tra cui Wired e La Stampa online.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.