Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
GPRS in ritardo, ma arriva l’iMode

03 Gennaio 2001

GPRS in ritardo, ma arriva l’iMode

di

Umts, GPRS: per ora sono due sigle con forti aspettative per i consumatori europei di telecomunicazioni. Intanto, iMode, la tecnologia giapponese si appresta a invadere il Vecchio Continente.

Una cosa è sicura: anche se con affanno da parte di alcuni, l’Internet veloce e disponibile sui telefoni cellulari arriverà quest’anno.
Il GPRS, di cui si è parlato a lungo l’anno passato, è in ritardo e dovrebbe essere operativo per la fine del primo trimestre 2001, per tutti gli operatori.

Così, NTT DoCoMo, con il suo iMode rischia di entrare, come direbbero i commentatori sportivi, in “tackle scivolato” sulle caviglie della telefonia mobile europea.

L’operatore giapponese, infatti, ha annunciato il suo arrivo sul continente europeo per il terzo trimestre 2001.
Un’ascesa vertiginosa quella della NTT, se si pensa che solo dopo due anni dall’entrata in funzione dell’iMode, ha raccolto 16,8 milioni di utenti con una media di 40, 50 mila nuovi abbonati al giorno.

Ma esiste un rovescio della medaglia, che gli analisti indicano in alcune peculiarità e particolarità del Giappone.
Innanzi tutto, una predisposizione culturale per tutti i gadget elettronici e poi, dal fatto che l’Internet giapponese è difficilmente accessibile su un computer, perché la maggior parte dei siti utilizzano l’alfabeto latino e le tastiere giapponesi sono in giapponese.

Quindi, più facile utilizzare Internet attraverso la rotellina presente sui telefoni iMode.
Toccherà anche a noi muoverci su “rotella” per accedere a Internet?

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.