FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Google apre i feed RSS alla pubblicità

15 Luglio 2005

Google apre i feed RSS alla pubblicità

di

Gli utilizzatori del programma Google AdSense possono finalmente inserire link sponsorizzati nei loro feed RSS, ma a una sola condizione: avere più di 100 abbonati RSS

Google mette a disposizione dei suoi partner, membri del programma AdSense, la sua ultima soluzione pubblicitaria, a oltre due mesi dal lancio di una versione beta a diffusione molto limitata.

Per beneficiare di questo nuovo strumento, che permette di diffondere link pubblicitari nei feed RSS, i siti di contenuto e tutti gli interessati devono prima di tutto apparire online, poi devono assolutamente e imperativamente assicurarsi che i loro feed siano registrati da più di cento internauti.

E proprio quest’ultima condizione ha sollevato alcuni interrogativi. Oggi sono ancora estremamente rari i siti che conoscono con precisione l’audience dei loro feed RSS. Le piattaforme che ospitano i blog, ad esempio, non misurano questo parametro e gli strumenti che permettono di rimediarvi sono decisamente scarsi e complessi da realizzare. Sul modello di Feedburner che deve ospitare esso stesso i feed RSS dei suoi utenti.

A queste condizioni, i membri del programma AdSense desiderosi di inserire della pubblicità nei loro feed, saranno tentati di indicare un’utenza approssimativa o sopravvalutata.

Certo, bisognerebbe anche sapere se Google è in grado di verificare le informazioni comunicate dai suoi partner, cosa non improbabile. Alla fine del marzo scorso, infatti, il motore americano ha acquisito la società Urchin Software, sviluppatore di soluzioni di misurazione dell’audience e del tracking pubblicitario.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.