FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Gli utenti Internet pronti a pagare per scaricare musica?

13 Ottobre 2000

Gli utenti Internet pronti a pagare per scaricare musica?

di

Secondo uno studio condotto su utenti Internet inglesi e americani, questi sarebbero pronti a pagare per scaricare musica.

Una fortuna inaspettata per la società che ha condotto il sondaggio, la Magex, specializzata proprio nella sicurezza delle transazioni online.

Ma diamo uno sguardo ai dati del sondaggio (bisogna sottolineare che gli utenti americani erano abitanti di New York e Los Angeles).

Il 78 % del campione pensa che lo scaricare musica online dovrebbe essere regolamentato e, udite udite, diventare a pagamento.
E indicano anche le somme che si aspettano di pagare: 83 cents per i “sample” (gli assaggi di brano), 3,05 dollari per singolo brano e 12,89 dollari per un abbonamento mensile.

Per arrivare ad una regolamentazione, poi, il campione si aspetta un periodo non superiore all’anno e mezzo.

Quanto agli utenti che non hanno mai scaricato brani online, il 52 % dice di essere stato frenato dalla paura di dover dare il proprio numero di carta di credito.
Insomma, queste persone che rispondono con precisione svizzera, sono all’oscuro dell’esistenza di Napster.

Risultato: l’ostacolo più arduo da superare per l’industria discografica non sarebbe dunque far pagare i brani musicali, ma guadagnarsi la fiducia assicurando transazioni sicure.

Sulla fiducia, l’ultimo dato: il 60 % dei consumatori avrebbe fiducia in una società di carte di credito e il 35 % in una banca conosciuta.
Solo il 10 % si fiderebbe di una società di e-commerce.

Un sunto della ricerca lo trovate all’indirizzo http://www.magex.com/Resource_centre/press/press_individual_release.asp?ID=1584

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.