FINO AL 30 SETTEMBRE TUTTI GLI EBOOK COSTANO LA METÀ

Scegli il tuo ebook e risparmia!
Home
Gli USA sconfitti da Ben Laden

14 Febbraio 2001

Gli USA sconfitti da Ben Laden

di

La NSA, l’agenzia americana che ha il compito di monitorare le comunicazioni e informazioni e “madre” di Echelon, piange e si lamenta. Oussama Ben Laden, il miliardario saudita a capo dell’ala terroristica islamica, avrebbe un sistema di telecomunicazioni superiore tecnologicamente a quello degli Stati Uniti.

“Oussama Ben Laden ha a sua disposizione i prodotti dell’industria mondiale delle telecomunicazioni, che rappresentano 3 mila miliardi di dollari l’anno – spiega il direttore dell’NSA in un’intervista alla CBS ripresa dall’AFP – Dispone di una tecnologia migliore”.

Il direttore fa, poi, un paragone: “per le sue telecomunicazioni l’Unione Sovietica doveva accontentarsi di quello che produceva”.
Insomma, un attacco frontale all’intero gotha del mercato delle telecomunicazioni.

Continua affermando che la sua amministrazione non riesce a far fronte ai progressi della tecnologia moderna, che mette a disposizione di tutti strumenti di comunicazione ultra-performanti.
“Le telecomunicazioni dei nostri avversari sono ormai basate sul ciclo di sviluppo di un settore che avanza letteralmente alla velocità della luce – si lamenta – Telefoni cellulari, sistemi di criptaggio, comunicazioni su fibra ottica, digitali ecc. Tutto questo è a disposizione di persone che vogliono prendersela con gli Stati Uniti. Noi siamo indietro”.

Un ritardo dimostrato nell’agosto del 1998 quando, malgrado fossero intercettate le comunicazioni di Ben Laden, quest’ultimo è riuscito ad organizzare gli attentati alle ambasciate americane di Nairobi e Dar el Salaam.

Malgrado la grandezza (due volte la CIA) e il budget colossale, la NSA, che dispone di stazioni di ascolto in tutto il mondo e potrebbe in teoria intercettare tutte le comunicazioni sulla faccia della terra, non dispone di capacità sufficienti.

Per tre giorni e mezzo, nel gennaio scorso, il sistema informatico dell’agenzia si è bloccato, saturo di informazioni.
“Il quartier generale della NSA è rimasto in stato di morte cerebrale. Se questa informazione fosse stata conosciuta avrebbe accresciuto in modo significativo il rischio per gli americani all’estero”.

I casi sono due: o Ben Laden, malgrado sia portatore di tradizioni rigide che mal si conciliano con le nuove tecnologie, utilizza strategicamente le novità tecnologiche nel campo delle telecomunicazioni mettendo in ginocchio il più grande e influente paese del mondo, oppure, con l’insediamento di Bush alla Casa Bianca, il capo dell’NSA vede il pericolo di un taglio dei fondi, magari a favore del vecchio progetto di “scudo spaziale”.

In ogni caso c’è poco da stare allegri.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.