Risparmia 100€ con il codice BIGADATA100

Big Data Executive | Milano | sabato 30 novembre

Iscriviti
Home
Gli ISP inglesi non vogliono diventare vigilantes

20 Febbraio 2008

Gli ISP inglesi non vogliono diventare vigilantes

di

Il disegno di legge anglosassone che obbligherebbe gli ISP a spiare i comportamenti P2P degli utenti non piace

Gli Internet Service Provider anglosassoni sono contrari a vestire i panni di controllori del traffico online. L’Internet Service Providers Association ha accolto malamente la proposta di legge anti-P2P che prossimamente sarà dibattuta nel Parlamento di Londra.

Secondo gli ISP, al momento, non solo sussisterebbero ostacoli legali – correlati al 2002 E-Commerce Regulations – ma anche limiti tecnici che non consentirebbero di discernere il traffico P2P illecito da quello legale.

Il problema del controllo del traffico però sussiste. «Ogni ISP che non interviene sulla gestione del traffico è destinato a scomparire», ha commentato Gavin Johns, direttore del net management di Epitiro. Secondo gli esperti infatti sono in continuo aumento il numero dei servizi, come VoIP e streaming video, che hanno bisogno di una banda minima per funzionare.

«Ciò che cambia è il livello di impatto sugli utenti e il modo in cui i provider lo comunicano, dettagliando gli ambiti interessati», ha dichiarato Andrew Ferguson di Think Broadband. «La gestione del traffico ha una pessima reputazione perché in molti casi è utilizzata per mantenere bassi i costi della banda passante dei provider, senza alcun rispetto per le esigenze dei consumatori».

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.