Home
Giappone: rapporto sull’e-commerce

21 Febbraio 2002

Giappone: rapporto sull’e-commerce

di

Le statistiche rivelano una crescita significativa in ogni ambito

Il commercio elettronico in Giappone è cresciuto nel 2001 del 58% per quanto riguarda il business-to-business e dell’80% per il business-to-consumer.

Lo rivela un’indagine congiunta del Ministero giapponese dell’economia del commercio e dell’industria (METI), dall’Electronic Commerce Promotion Council of Japan (ECOM) e dal NTT Data Institute. La ricerca viene prodotta annualmente dal 1998 e i dati di questa edizione appaiono molto interessanti.

L’indagine contempla tutti i tipi di vendita on line, tra cui anche il cosiddetto business-to-government (B2G), che ha raggiunto numeri molto significativi (6 miliardi di yen) nel 2001 e dovrebbe raddoppiare già nei primi mesi del 2002.

Per quanto riguarda le categorie più forti nell’e-commerce nipponico, restano ai primi posti l’elettronica, i libri e la musica, anche se sono tutti diminuiti rispetto alla crescita di vestiti, viaggi, intrattenimento.

Come è noto il Giappone è anche il paese più forte nel settore mobile, grazie alle precoci applicazioni di telefonia di nuova generazione. Il m-commerce è infatti reputato uno dei segmenti di mercato più caldi del momento che ha già dato risultati positivi (120 miliardi di yen) e ci si aspetta raggiunga cifre con ancora più zeri da qui al 2006.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.