Home
Fotografia analogica: divertirsi e sperimentare con la pellicola scaduta

22 Maggio 2020

Fotografia analogica: divertirsi e sperimentare con la pellicola scaduta

di

A differenza degli alimenti scaduti, la pellicola non ammuffisce, ma è pressoché inutilizzabile per un fotografo che desideri risultati prevedibili e coerenti. Se invece amiamo sperimentare, la pellicola scaduta può fare al caso nostro.

I mille modi in cui può degradare una pellicola

Quando la pellicola invecchia, le sue proprietà cambiano: in alcuni casi i cambiamenti sono lievi, altre volte sono più decisi. Esistono pellicole così stabili che possono ancora produrre risultati normali e di qualità anni dopo la loro scadenza: purché proteggiamo la pellicola dal calore e dalle radiazioni, potremo usufruirne per molto tempo anche dopo la scadenza.

Pentax 67 su Kodak Portra 160 VC scaduta

Pentax 67 su Kodak Portra 160 VC scaduta.

Tuttavia, la maggior parte dei vecchi rullini di pellicola ha un passato ricco di eventi (come viaggi e giornate trascorse sulla cappelliera di un’auto). Spesso osserveremo che la grana della pellicola è in contrasto con le vostre aspettative e che le particelle di colore nell’emulsione appaiono più ruvide o più grandi del previsto (e pertanto la sensibilità è inferiore).

Come regola generale, più alta è la sensibilità nominale, più la pellicola si degrada nel tempo. Dovremmo attenderci sempre qualche cambiamento di colore, perché non tutti i pigmenti nell’emulsione presentano la stessa stabilità: per esempio, la pellicola perde prima i rossi e pertanto l’effetto cromatico vira verso il giallo-verde o il blu. Alcune pellicole mostrano una desaturazione dei colori, altre no. Insomma, non sapremo mai cosa aspettarci da una pellicola scaduta.

Se vogliamo preservare le qualità della nostra pellicola preferita, conserviamola al fresco: le basse temperature del frigorifero o del freezer possono rallentare il suo decadimento.

Sperimentare divertendoci

Possiamo divertirci per ore a rovistare nelle piattaforme fotografiche come Flickr e 500px per scovare le fotografie scattate con pellicole scadute.

Ammiriamone gli effetti, ma non commettiamo l’errore di presumere che lo stesso tipo di pellicola si comporterebbe allo stesso modo nella nostra fotocamera: gli effetti dipendono da molti aspetti diversi, come il tempo trascorso oltre la scadenza, le condizioni di stoccaggio, la fotocamera utilizzata e le condizioni di luce in cui viene scattata la fotografia.

Anche la composizione, l’età e la temperatura dei prodotti chimici per lo sviluppo giocano un ruolo fondamentale. In sostanza, possiamo fare solo una cosa: sperimentare, sperimentare e sperimentare.

Konica Centuria 100, scaduta a maggio 2005. La variazione di colore dovuta al lungo periodo di archiviazione è perfetta per questo design

Konica Centuria 100, scaduta a maggio 2005. La variazione di colore dovuta al lungo periodo di archiviazione è perfetta per questo design.

La pellicola in bianco e nero ha una stabilità di archiviazione superiore rispetto alla pellicola a colori. L’abbiamo usata con successo (senza regolazioni del tempo di esposizione) anche 10 anni e oltre la sua scadenza. Le pellicole trovate in cantina sono particolarmente interessanti in questo senso, perché sono state conservate a temperature stabili.

Prendiamoci il tempo necessario e divertiamoci a provare pellicole di marche e sensibilità diverse in vari momenti dell’anno e in condizioni variabili. Valutiamo l’effetto della sovraesposizione o della sottoesposizione sul risultato e proviamo a capire quale fotocamera funziona meglio con una determinata pellicola e le sue stranezze. Restiamo aperti alla vasta gamma di risultati che otterremo e lasciamoci sorprendere e incantare.

A causa delle variazioni del colore, non è necessariamente una buona idea provare pellicole scadute non familiari durante la realizzazione di un ritratto, a meno che noi e il nostro modello non desideriamo dei toni della pelle insoliti.

In genere, per eseguire prove con la pellicola scaduta è meglio dedicarsi alla fotografia di paesaggio o architettonica. Se ci imbattiamo in una pellicola particolare che ci piace molto nella sua versione scaduta, acquistiamone qualche altro rullino: è probabile che la nuova pellicola si comporti come quella che abbiamo già, quindi avremo molto materiale di riserva per portare a termine progetti ancora più grandi.

Konica Centuria 100, scaduta a maggio 2005. Una seconda fotografia di questo soggetto, tra poco, mostrerà una variazione del colore dovuta al lungo periodo di conservazione della pellicola.

Sensibilità della pellicola e condizioni di illuminazione

Se chiediamo suggerimenti sull’uso della pellicola scaduta, spesso ci sentiremo rispondere che va usata in piena luce (all’aperto o in studio) per via della sua minore sensibilità. Il consiglio generale è esporre con uno stop di luminosità in più ogni cinque anni trascorsi dalla scadenza della pellicola. In verità, seguendo questa regola ridurremo al minimo il rischio di errori, ma non sfrutteremo l’interessante potenziale di queste pellicole.

Silenzio. Monastero di Inzigkofen su Kodak Portra 400 VC scaduta, MHD 2004

Silenzio. Monastero di Inzigkofen su Kodak Portra 400 VC scaduta, MHD 2004.

Alcuni dei nostri scatti più belli sono stati ottenuti esponendo la pellicola scaduta alla sua sensibilità nominale, in ambienti chiusi e poco illuminati, e con un successivo sviluppo normale della pellicola. La nostra propensione al rischio ci ha premiato con un effetto quasi monocromatico e risultati molto pronunciati a colori vivaci. Chi preferisca andare sul sicuro può scattare una sequenza di fotografie con esposizioni diverse.

Silenzio assoluto. Monastero di Inzigkofen su Kodak Portra 400 VC scaduta, MHD 2004

Silenzio assoluto. Monastero di Inzigkofen su Kodak Portra 400 VC scaduta, MHD 2004.

Le gioie del cross-processing

Il cross-processing, ovvero lo sviluppo della pellicola per diapositive con il processo C-41 o della pellicola negativa a colori con il processo E-6, permette di eseguire numerosi esperimenti creativi anche con la pellicola nuova. In questo caso, potremo ottenere molti risultati diversi e imprevedibili variando le impostazioni di esposizione o utilizzando marche di pellicola diverse.

La pellicola per diapositive da sottoporre a cross-processing spesso beneficia di una sovraesposizione di un massimo di due stop; d’altra parte, a volte è preferibile che la pellicola riceva una minima quantità di luce. Molte pellicole lavorate con il cross-processing mostrano una temperatura del colore completamente diversa in base all’esposizione: le immagini presentano colori caldi nelle aree sovraesposte, mentre le zone più scure appaiono spesso fredde. Lavorando in cross-processing una pellicola scaduta, la struttura ruvida e le variazioni del colore già presenti vengono accentuate per creare un effetto ancora più surreale.

Fuji Sensia con cross-processing. Anche qui i colori delle cassette postali sono notevolmente deviati, soprattutto nei toni del blu

Fuji Sensia con cross-processing. Anche qui i colori delle cassette postali sono notevolmente deviati, soprattutto nei toni del blu.

C’è sempre qualche rischio

Le splendide immagini sognanti che possiamo ammirare online sono solo una frazione degli scatti effettivamente realizzati con la pellicola scaduta. È chiaro che i fotografi hanno ottenuto molti risultati sgradevoli che hanno scelto di non pubblicare online. Questo è il rischio da accettare: non c’è alcuna garanzia di riuscita delle fotografie.

Immagine di apertura da Fotografia analogica

L'autore

  • Chris Marquardt
    Chris Marquardt è un instancabile esploratore della fotografia. Ha viaggiato in quasi tutti i continenti insegnando a migliaia di studenti e guadagnandosi il record per il workshop di fotografia più alto al mondo, tenuto sul Monte Everest. È ospite fisso del programma radiofonico Tech Guy di Leo Laporte, in onda negli Stati Uniti, che vanta un pubblico di milioni di persone. Foto: Pax Ahimsa Gethen.
  • Monika Andrae
    Monika Andrae è una specialista pluripremiata la cui missione è rendere un po’ più creativo il mondo sempre più tecnico della fotografia. Insieme a Chris Marquardt tiene i seminari di fotografia su pellicola del sito Absolut Analog.

Vuoi rimanere aggiornato?
Iscriviti alla nostra newletter

Novità, promozioni e approfondimenti per imparare sempre qualcosa di nuovo

Gli argomenti che mi interessano:
Iscrivendomi dichiaro di aver preso visione dell’Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 e 14 del Regolamento Europeo EU 679/2016.

Corsi che potrebbero interessarti

Tutti i corsi
fotografare_per_instagram-home-3 Corso In aula

Fotografare per Instagram

La tua galleria Instagram non ti rispecchia e le tue fotografie non riescono a trovare il pubblico che vorresti? Guardi le foto dei tuoi competitor e non sai come fare per apparire come loro? Il corso di Roberto Cassa è quello che ti serve.

con Roberto Cassa

corso-data-governance Simone Aliprandi Corso Online

Data governance: diritti, licenze e privacy

I dati sono ovunque intorno a noi ma per poterli utilizzare in sicurezza bisogna confrontarsi con temi complessi che riguardano licenze, proprietà intellettuale e privacy. Se non ti senti sicuro o hai paure di prendere la decisione sbagliata, il corso di Simone Aliprandi fa per te.

249,00

con Simone Aliprandi

Fare_una_strategia_di_Instagram_Marketing-home Corso In aula

Fare una strategia di Instagram Marketing

Ti sembra che la tua attività su Instagram proceda senza una direzione chiara? Ti manca una strategia. Chiara Cini ti aiuta a mettere in piedi un canale di successo che ti avvicini ai tuoi obiettivi.

con Chiara Cini


Libri che potrebbero interessarti

Tutti i libri

Fotografia analogica

Riscoprire la fotografia su pellicola 35 mm, medio e grande formato

28,41

29,90€ -5%

di Chris Marquardt, Monika Andrae

Comprendere l'esposizione

Catturare immagini spettacolari con ogni fotocamera

18,91

19,90€ -5%

di Bryan Peterson

Chroma

L'arte di illuminare la fotografia con il colore

23,66

24,90€ -5%

di Nick Fancher


Articoli che potrebbero interessarti

Tutti gli articoli